• Google+
  • Commenta
16 dicembre 2010

Polo scientifico e Tecnologico della Ricerca e dell’Innovazione a Foggia

Un Polo Scientifico e Tecnologico della Ricerca e dell’Innovazione a Foggia: la
scommessa vinta del Rettore dell’Università degli Studi di Foggia, Giuliano
Volpe
.

Sarà firmato nelle prossime settimane un protocollo d’intesa tra l’Università degli
Studi di Foggia, il Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura
(CRA), la Regione Puglia, la Provincia, il Comune e la Camera di Commercio
Industria e Artigianato di Foggia, per la realizzazione di un Polo Scientifico e
Tecnologico della Ricerca e dell’Innovazione lungo l’arteria di Via Napoli.

L’intesa è stata raggiunta durante un incontro, tenutosi presso il
Rettorato del Palazzo Ateneo e convocato dal Magnifico Rettore, prof. Giuliano
Volpe
, artefice e promotore del progetto.

Presenti il Presidente del CRA, Sen. Romualdo Coviello, il Direttore del Centro di ricerca per la cerealicoltura di Foggia, dott. Luigi Cattivelli, il direttore dell’Unità di ricerca per la zootecnia estensiva di Bella, Vincenzo Fedele, il funzionario dell’Assessorato alle Risorse Agro-alimentari
della Regione Puglia, dott. Antonio Frattarulo, il dott. Enrico Mongelli, funzionario dell’Assessorato al Diritto allo studio della Regione Puglia, l’ing. Potito Belgioioso, dirigente della Provincia di Foggia, l’arch. Michele Salatto, Assessore comunale all’Urbanistica, il pro rettore, prof. Andrea Di Liddo e l’ing. Antonio Tritto, dirigente dell’Area Edilizia dell’Ateneo foggiano.

Nel corso del tavolo tecnico si è arrivati alla definizione di una piattaforma comune per la nascita, sull’ampia superficie di circa 70 ettari lungo l’arteria di Via Napoli, di proprietà del CRA attualmente utilizzato dall’Istituto per la Foraggicoltura, di un Polo Scientifico e Tecnologico della Ricerca e dell’Innovazione.

Il progetto, presente nel programma elettorale del prof. G.Volpe, prevede, in perfetta sintonia con alcuni investimenti già effettuati nella zona dall’Ateneo foggiano (Centro Interdipartimentale Bioagromed; Triennio biologico della Facoltà di Medicina e Chirurgia, CUS Foggia), l’acquisizione dei terreni del CRA da utilizzare per la realizzazione di una cittadella tecnologica e scientifica in grado di ospitare strutture destinate alla didattica, alla ricerca, alla sperimentazione, a laboratori (con strumenti innovativi che coinvolgano investitori pubblici e privati), a società di spin-off nei settori biomedico e agro-alimentare, al Distretto Regionale della Ricerca (DARe), all’Azienda Agraria universitaria e, si spera, anche all’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare.

L’idea progettuale prevede altresì la realizzazione di strutture
residenziali per studenti, docenti e dipendenti dell’Università, impianti sportivi, e
strutture ricettive.

Il reperimento delle risorse necessarie per l’attuazione del progetto, si è ipotizzato
possa avvenire attraverso l’utilizzo dei fondi strutturali regionali.

Lucia Iorio

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy