• Google+
  • Commenta
17 febbraio 2011

Università degli studi di Palermo

Il Senato Accademico che nella seduta dello scorso 18 gennaio 2011, unanime, ha approvato alcune indicazioni riguardanti lo status di studenti.

“La coesistenza nel nostro Ateneo di più ordinamenti unitamente al proliferare di studenti iscritti in qualità di “fuori corso” ha reso necessario – dice il Delegato del Rettore alla Didattica prof. Vito Ferro – effettuare una ricognizione delle norme che disciplinano la decadenza al solo fine di adottare tutte le iniziative rivolte ad agevolare la conclusione dei percorsi formativi antecedenti la riforma del 2004, ovvero il vecchio ordinamento e D.M. 509/99”.

Ciò faciliterà e sosterrà lo stedente fuori corso che rischia la decadenza, offrendogli regole certe e solide attraverso le quali plasmare il percorso verso la laurea.

La delibera del Senato Accademico distingue i seguenti quattro casi:

1. Gli studenti appartenenti al vecchio ordinamento (A.A. di immatricolazione antecedente il 2001/2002) e quelli all’ordinamento D.M. 509/99 che si sono immatricolati a partire dall’A.A. 2001/2002 devono portare a conclusione il loro curriculum (cioè devono sostenere tutti gli esami previsti nel loro piano di studi escluso l’esame finale) entro la sessione straordinaria dell’A.A. 2012/2013 (marzo 2014).

2. Gli studenti che negli anni accademici 2008/2009 e 2009/2010 (quest’ultimo essendo il primo anno in cui, nell’Ateneo di Palermo, ha avuto inizio la riforma dell’ordinamento D.M. 270/04) si sono iscritti a Corsi di Laurea o di Laurea Specialistica appartenenti all’ordinamento D.M. 509/99 devono portare a conclusione il loro percorso didattico entro gli stessi termini previsti per il nuovo ordinamento D.M. 270/04 (il doppio di anni corrispondenti alla durata legale più uno: quindi 7 anni, a partire dall’anno accademico di immatricolazione, per una Laurea, 5 anni per una Laurea Specialistica, 11 anni o 13 anni per una Laurea Specialistica a ciclo unico di durata 5 anni (Architettura, Farmacia, Giurisprudenza) o 6 anni (Medicina e Chirurgia, Odontoiatria);

3. Gli studenti dell’ordinamento D.M. 270/04 (nuovo ordinamento) devono portare a conclusione il loro percorso didattico, come stabilito dall’art. 25 del vigente Regolamento Didattico di Ateneo, in un intervallo di tempo pari al massimo al doppio di anni corrispondenti alla durata legale più uno.

4. Gli studenti del Corso di Laurea in “Scienze della Formazione Primaria” decadono non appena sono trascorsi otto anni dall’ultimo esame sostenuto.
Per tutti e quattro i casi, l’istituto della decadenza non si applica più nel momento in cui lo studente si trova nella condizione di dovere sostenere il solo esame di Laurea. Il Senato Accademico ha anche stabilito che le Facoltà devono adottare interventi utili per agevolare gli studenti “fuori corso” nella conclusione dei loro percorsi formativi. “In questa direzione aggiunge il prof. Ferro – si inserisce l’indagine che il Centro di Orientamento e Tutorato del nostro Ateneo sta conducendo per determinare la lista dei sei insegnamenti che presentano, per ciascuna Facoltà, il maggior numero di esami non sostenuti. Per queste “discipline scoglio” l’Ateneo provvederà, con appositi Tutor, ad organizzare dei corsi di recupero, con relative prove finali, riservati agli studenti fuori corso”.

Oltre 35.000 studenti fuori corso hanno raccolto questa delibera del Senato Accademico con perplessità e preoccupazione. La confusione burocratica e pragmatica che è intrecciata alla coesistenza di ben 3 differenti ordinamenti, regolamentati con 3 diverse normative, contraddittorie l’una con l’altra, è il nucleo principale che concerne i dubbi dei suddetti studenti.

Per evitare la permanenza a tempo indeterminato di tutti coloro che appartengono al DM 509/99 devono, aiutati dall’Università, terminare il loro corso di studi entro la sessione straordinaria del 2012/2013, nonchè entro marzo 2014.

Per il raggiungimento di questo scopo l’università di Palermo ha messo a disposizione un servizio di tutorato. Questo è incaricato di selezionare, all’interno delle 12 facoltà palermitane, le cosidette “discipline scoglio”, ovvero quegli insegnamenti che presentano maggiori difficoltà per gli studenti.

Saranno quindi attivati dei corsi di recupero e dei tutor per risolvere i dubbi dei fuori corso.

Chi invece è iscritto al DM 270/04, per adempiere ai suoi studi, ha a disposizione il doppio del tempo della durata natuale del corso di sutdi, più un anno.

Serena Calabrese

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy