• Google+
  • Commenta
16 febbraio 2011

Università di Salerno : Dalle norme al cantiere

Dalle norme al cantiere: controlli, garanzie e responsabilità nelle forniture di calcestruzzo armato. Istruzioni per evitare forniture non conformi

Sono stati circa 130 i partecipanti al convegno che si è tenuto nei giorni scorsi presso l’Università degli Studi di Salerno, dal titolo: “Dalle norme al cantiere: controlli, garanzie e responsabilità nelle forniture di calcestruzzo armato. Istruzioni per evitare forniture non conformi”.

L’evento, organizzato dall’Ateneo salernitano e dal “PROGETTO CONCRETE” e patrocinato dagli Ordini degli Ingegneri di Salerno e Avellino, ha inteso approfondire gli aspetti tecnico-normativi ed organizzativi di interesse dei diversi soggetti chiamati ad applicare le NTC (Norme Tecniche delle Costruzioni) ha inteso approfondire il confronto tra il settore delle imprese di costruzioni e quello dei produttori di materiali per calcestruzzo armato per una riflessione sulle Norme Tecniche per le Costruzioni (DM 14.01.2008 e Circolare 2009).

Professionisti della progettazione, direttori dei lavori, rappresentanti di imprese di costruzione e produttori di materiali strutturali, hanno preso parte all’incontro che si è rivelato un importante momento di dibattito in materia di vincoli, doveri, qualificazione e opportunità per il settore delle costruzioni, all’indomani dell’entrata in vigore delle NTC.

Ad aprire i lavori i saluti dell’Ing. Gianluca Basile – Dirigente dell’Area VI dell’Università di Salerno e dell’Ing. Armando Zambrano (Presidente dell’Ordine degli ingegneri di Salerno). Il dott. Zambrano ha sottolineato la rilevanza di figure professionali come il “Direttore dei lavori” e il “Collaudatore in corso d’opera” , quali garanzia di una più corretta e puntuale esecuzione delle opere.

In seguito l’intervento dell’Ing. Marco Iuorio – Area Manager di PROGETTO CONCRETE – ha inteso evidenziare come la spina dorsale della nuova normativa sia fondata su logiche che mirano a garantire, ancor più rispetto al passato, la sicurezza delle strutture e la certificazione dei materiali impiegati. Tutto ciò si traduce in una regolamentazione innovativa che ha ridistribuito competenze e responsabilità tra tutti gli attori della filiera, in un processo di sempre maggiore qualificazione dei risultati.

Progetto Concrete è un’iniziativa nata nel 2006 da un’idea dell’ATECAP (Associazione Tecnico Economica del Calcestruzzo Preconfezionato) e sostenuta anche da AITEC (Associazione Italiana Tecnico Economica Cemento), ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili), SISMIC (Associazione Tecnica per la Promozione degli Acciai Sismici per Cemento Armato), ASSIAD (Associazione Italiana Produttori Additivi e Prodotti per Calcestruzzo), Sezione Tubi a bassa pressione di ASSOBETON (Associazione Nazionale Industrie Manufatti Cementizi) e ANSFER (Associazione Nazionale Presagomatori Ferro e Acciaio per Armature in Cemento Armato).

Il Progetto nasce dalla constatazione che lo scarso livello di aggiornamento e di attenzione nei confronti del cemento armato nei capitolati d’appalto pregiudica la sicurezza e la durabilità delle costruzioni. L’intento è di incrementare la cultura tecnica e la conoscenza normativa di progettisti ed imprese di costruzione, migliorare la qualità dei capitolati d’appalto, in linea con le nuove Norme Tecniche per le Costruzioni.

L’utilità di tale opera è stata riconosciuta ai massimi livelli, tanto che l’iniziativa ha ottenuto nel 2006 il patrocinio del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Sul territorio PROGETTO CONCRETE ha inoltre siglato diversi protocolli d’intesa con committenze ed enti pubblici come ad esempio quelli con tutti i Provveditorati alle OO.PP. del Sud Italia.

La seconda parte dell’incontro, con la partecipazione dell’Ufficio Tecnico dell’Università di Salerno, la Facoltà di Ingegneria e la società Alga Technological Thinking, ha approfondito il tema dell’isolamento sismico alla base degli edifici. In particolare gli interventi del Prof. Ing. Ciro Faella e dell’Ing. Marco Banfi hanno riportato due esempi concreti: – il progetto C.A.S.E. dell’Aquila e le nuove residenze universitarie del campus universitario di Fisciano. Qui è prevista la costruzione di due edifici innovativi, isolati alla base, con particolare attenzione alle metodologie di collaudo e alla certificazione dei dispositivi di isolamento.

La scelta progettuale delle nuove residenze universitarie è proiettata ad assicurare una sempre maggiore sicurezza delle strutture puntando su sistemi innovativi ed all’avanguardia che solo dopo gli eventi sismici dell’Aquila stanno trovando un notevole sviluppo nel settore delle costruzioni.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy