• Google+
  • Commenta
28 marzo 2011

Antonio Giordano, illustra scoperte nella ricerca sul cancro. Convegno medico all’Università di Palermo

E’ uno dei luminari nel mondo della ricerca contro il cancro. A lui si deve la scoperta dell’individuazione e clonazione di un nuovo gene (l’RB2/P130) che ha una funzione di primaria importanza nel prevenire l’insorgenza della malattia.
Costui è Antonio Giordano, presidente e fondatore dello Sbarro Istitute for Cancer Research and Molecular Medicine, della Temple University di Philadelphia.

Tutte gli spunti e le indagini recenti sono state riportate oggi dal dott Giordano nell’incontro dal titolo “Nuovi temi di ricerca contro il cancro” che si è svolto in data 25 marzo 2011 all’Università degli Studi di Palermo.

Problemi analisi, ricerche che sono state portate avanti sempre con grande impegno dal dott. Giordano in tutti gli anni del suo lavoro.

“Non è semplice dichiara l’ospite decifrare con chiarezza un problema così importante. Tutte le ricerche che sono state fatte e che si faranno in futuro per debellare il cancro, necessitano di tempo e di denaro. Oltre a questo ci devono essere anche le strutture adatte dove tutti i medici interessati dal problema possono compiere le ricerche anche con il supporto di mezzi di ultima generazione.
Nonostante tutto questo, penso positivo, perchè sto notando che giorno dopo giorno aumentano i camici bianchi. Tutti i dottori credo che debbano essere spinti da un grande senso di etica sociale per poter intraprendere con successo questo mestiere.
Le ricerche sono arrivate ad un punto soddisfacente, ma non bisogna assolutamente fermarsi, anzi, dobbiamo essere sempre più efficienti per rispondere alle continue richieste di aiuto da parte della collettività. I fenomeni legati alla medicina sono importanti soprattutto perchè seguono l’evolversi della società e si modificano con essa, e proprio per questo bisogna rispondere in maniera soddisfacente anche ai nuovi che sicuramente si incontreranno durante il cammino lavorativo”
.

La conferenza è stata poi l’occasione per verificare se in città è possibile fondare un centro di ricerca sul cancro.

Ecco le parole del rettore UniPa prof Lagalla

” L’intervento di una persona così qualificata come il dott Giordano, ci spinge a creare in città un centro per la ricerca sul cancro. Credo che se ci sia le condizione questo potrebbe essere un progetto che agevolerà la ricerca e allo stesso modo, la vita di molte persone. Mi auguro che tutto questo non resti solo sulla carta perchè in caso di esito positivo, la nostra città potrebbe vantarsi di un centro di primo ordine per combattere un problema fisico così dilaniante e purtroppo attuale”.

Marco Cristofaro

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy