• Google+
  • Commenta
16 marzo 2011

Università di Catania: il Professor Maggio per il diritto allo studio

Il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, tramite il decreto legge n.183 del 9 marzo 2011, ha costituito un gruppo di lavoro che avrà il compito di formulare proposte di innovazione della normativa nazionale sul diritto alla studio.

Presieduto dal Dottor Marco Tomasi, Direttore Generale per l’università, lo studente e il diritto allo studio universitario (DGUS), farà parte del team, anche il Professor Lucio Maggio, Direttore amministrativo dell’Università di Catania, in qualità di “esperto esterno”.

Il Professore dell’ateneo catanese andrà ad affiancare i rappresentanti del Ministero e alcuni componenti in rappresentanza del Consiglio nazionale degli studenti universitari, del Consiglio Universitario Nazionale, della Crui, della Conferenza delle Regioni, e delle associazioni degli organismi per il diritto allo studio, dei collegi e delle residenze universitarie.

Il gruppo di lavoro, che si riunirà periodicamente presso la sede del Miur nel quartiere romano dell’Eur, avrà tra i suoi compiti:

1) analizzare e valutare i risultati degli interventi per il diritto allo studio universitario negli ultimi anni (2005-10);

2) formulare una proposta tecnica di revisione della normativa nazionale sul diritto allo studio, al fine dell’attuazione della delega prevista dall’art. 5, comma 1, lettera d) della legge 240/2010;

3) promuovere interventi di valorizzazione del merito degli studenti universitari, anche in coordinamento con le iniziative previste dal Piano Nazionale per la Qualità e il Merito;

4) analizzare e formulare proposte sui criteri di riparto del Fondo integrativo per la concessione di borse di studio e prestiti d’onore, nonché sull’assetto del sistema di finanziamento delle borse di studio, anche alla luce del processo in corso di emanazione dei provvedimenti attuativi del federalismo fiscale;

5) definire le tipologie di strutture residenziali, le caratteristiche peculiari delle stesse sotto il profilo tecnico e gestionale e dei servizi offerti;

6) promuovere accordi, con singole Regioni, per la sperimentazione di forme innovative di servizi e sostegno agli studenti capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi.

La nomina del Professor Maggio dà prestigio all’ateneo, che potrà vantare di avere all’interno di una così importante commissione un proprio docente.

Francesco Tamburrino

Google+
© Riproduzione Riservata