• Google+
  • Commenta
10 marzo 2011

Università di Udine : I linguaggi della pubblicità

I “Linguaggi della pubblicità sociale. Dal buonismo al terrore” saranno al centro della conferenza che Roberto Bernocchi terrà domani, venerdì 11 marzo, a Gorizia, alle 16 nell’aula P di palazZo Alvarez in via Diaz 5, in occasione degli “Incontri culturali” organizzati dal corso di laurea in Relazioni pubbliche dell’Università di Udine a Gorizia. Bernocchi condurrà studenti e interessati in un percorso tra i differenti linguaggi utilizzati oggi dalla pubblicità sociale in Italia e nel mondo, per comprendere limiti e punti di forza del linguaggio pubblicitario applicato al sociale.

Roberto Bernocchi, laureato in filosofia, pubblicitario in Armando Testa, consulente di Pubblicità Progresso, ha collaborato con diverse organizzazioni no profit nello sviluppo di progetti di comunicazione e raccolta fondi ed è co-autore del volume “La pubblicità sociale, maneggiare con cura” (Carocci editore), del “Primo rapporto sulla comunicazione sociale in Italia” (edito da Rai-Eri) e del volume curato da Carla Bertolo “Comunicazioni sociali. Ambiguità, nodi e prospettive” (edizioni Cleup).

«L’incontro con Roberto Bernocchi – spiega Nicoletta Vasta, presidente della Commissione didattica unificata dei corsi di laurea in Relazioni pubbliche – sarà l’occasione per approfondire, dalla prospettiva di un autorevole professionista che tiene anche insegnamenti presso varie università, un tema di rilevanza cruciale per la formazione dei nostri studenti, oltre che di notevole attualità e interesse, anche per le sue implicazioni culturali».

L’incontro con Bernocchi è il terzo “Incontro culturale” organizzato al polo universitario goriziano, «un’occasione importante – aggiunge Raffaella Bombi, delegata del Rettore all’e-learning dell’Ateneo di Udine – anche per gli studenti del corso di laurea in “Relazioni pubbliche on line” presenti in questi giorni presso la sede universitaria di Gorizia per i tradizionali “Incontri didattici in presenza” che si svolgono a ritmo cadenzato durante l’anno». Questi momenti di didattica frontale «permettono agli studenti “on line” che frequentano le aule “virtuali” – precisa Bombi – di vivere le reali dinamiche universitarie in due intense giornate di interazione con i docenti del corso e di incontri con esponenti del mondo della cultura».

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy