• Google+
  • Commenta
11 aprile 2011

Università di Bolzano : porte aperte ai più piccoli

„Alla scoperta dell’Unione Europea – le regole le facciamo noi!“ oppure “L’uomo, le api e il miele”: sono i titoli di due delle 26 lezioni universitarie per bambini che la Libera Università di Bolzano propone tra aprile e giugno. “Il nostro obiettivo sarà innescare la curiosità e la passione per la cultura ed i grandi temi”, spiega la prof. Gabriella Dodero, responsabile del progetto.

Con la Junior Uni si chiude il cerchio dell’apprendimento permanente alla Libera Università di Bolzano: la settimana scorsa è stato presentato lo Studium Generale, aperto a tutte le età, ed a partire da aprile i bambini conquisteranno la LUB. Il programma prevede 26 lezioni universitarie per bambini tra gli 8 ed i 15 anni.

“La scienza vive di curiosità ed entusiasmo, qualità che si ritrovano in tutta la cittadinanza ed in tutte le età “ dice il rettore Walter Lorenz, ed aggiunge: “La Libera Università di Bolzano vuole guardare al futuro e sostenere i talenti di chi si lascia entusiasmare dalla scienza”.

Le lezioni riguarderanno le scienze politiche (“La politica è un gioco?” – Facoltà di Economia), la percezione visiva (Design e Arti), la robotica (Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche) ed il mondo delle api e degli insetti (Facoltà di Scienze e Tecnologie). In autunno altre lezioni saranno organizzate dalla Facoltà di Scienze della Formazione.

Gli incontri dureranno per lo più due ore e saranno tenute nella lingua del docente (italiano o tedesco). Ad ogni lezione sarà presente anche uno studente dell’altra madrelingua, per permettere a tutti di partecipare e rendere l’interazione più fluida. I bambini sono esplicitamente invitati a discutere con i professori i temi proposti: per questo ogni lezione sarà riservata ad un gruppo di 10 – 15 bambini, che dovranno prenotarsi in anticipo (informazioni: www.unibz.it ). ”Per noi professori sarà un’esperienza del tutto nuova e stimolante: siamo abituato quotidianamente a un altro genere di uditorio”, sottolinea la prof. Dodero, docente di informatica e delegata del rettore per il progetto Junior Uni.

La Junior Uni è in collegamento con MiniBz, la città dei ragazzi organizzata dal VKE: sarà a MiniBz che i ragazzi riceveranno il loro certificato di partecipazione alla Junior Uni, che potranno usare all’interno della città stessa.

Google+
© Riproduzione Riservata