• Google+
  • Commenta
14 Maggio 2011

“La donazione ed il trapianto”: incontro e tavola rotonda all’Università di Salerno

Incontro su donazione e trapianto degli organi all’Università degli Studi di SalernoIl 13 maggio 2011, presso il Teatro di Ateneo dell’Università degli Studi di Salerno, si è tenuto un Corso di Attività Didattica Elettiva per gli studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia. L’evento, organizzato dalla prof.ssa Ornella Piazza, responsabile del Corso di Anestesiologia e Rianimazione, ha ospitato un dibattito sulla donazione ed il trapianto, seguito dalla proiezione del film Human Organ Traffic di Roberto Orazi.

L’incontro ha ricevuto il patrocinio della Croce Rossa – Comitato Provinciale di Salerno ed ha visto la partecipazione dei rappresentanti delle principali organizzazioni che sostengono la donazione degli organi, in particolare l’AIDO, l’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, l’ANED, Associazione Nazionale Emodializzati e l’AITF, Associazione Italiana Trapiantati di Fegato.

Ad introdurre i lavori del Corso è intervenuta la prof.ssa Maria Galante, Prorettore vicario dell’Università degli Studi di Salerno, che ha salutato a nome dell’Ateneo i numerosi partecipanti e i professori intervenuti alla discussione. L’incontro si è indubbiamente caratterizzato per un alto profilo tecnico ed accademico, in quanto Attività Didattica Elettiva della Facoltà di Medicina e Chirurgia, ma ha espresso momenti di riflessione ed interesse anche per i meno esperti in donazioni e trapianti.

In particolare, la proiezione del film Human Organ Traffic ed il dibattito con il regista Roberto Orazi hanno presentato un quadro inquietante degli squilibri sociali ed economici tra Nord e Sud del mondo. Laddove la frattura tra ricchezza e povertà è diventata un abisso, c’è chi è disposto a cedere parti proprio corpo a commercianti di vita, a volte con gratitudine per l’offerta di questa chance. Con un reportage che va dall’India al Brasile, Roberto Orazi è riuscito a raccontare il fenomeno dei trapianti e delle donazioni, più o meno volontari, in un modo estremamente diverso da quello a cui siamo abituati.

Pasqualino Guidotti

Google+
© Riproduzione Riservata