• Google+
  • Commenta
26 Maggio 2011

L’Onorevole Di Pietro e l’Onorevole Di Giuseppe presentano la situazione degli Studenti di Scienze della Formazione

Continua a farsi sentire la voce degli studenti di Scienze della Formazione Primaria di Palermo che dopo l’assemblea tenutasi il 19 maggio 2011 dichiarano: “Questa è un’altra data da ricordare”.

Oggetto del giorno, il decreto ministeriale n. 4 del 2011 ovvero l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo.

Con l’approvazione del decreto gli studenti vedono andare in frantumi la possibilità di presentare domanda ai fini dell’inserimento nelle graduatorie per l’insegnamento.
Questo comporta che oggi laureati o laureandi e quindi abilitati o abilitanti non hanno nemmeno la possibilità di divenire un numero, di diventare precari.

Per saperne di più : http://www.controcampus.it/spip.php?article20832

Il reclutamento è importante sia per il conferimento degli incarichi annuali o fino al termine delle attività didattiche, ma anche per il conferimento del 100 per cento degli incarichi a tempo indeterminato nel caso siano state esaurite le graduatorie di merito.

Con grande entusiasmo gli Onorevoli Di Pietro, Donadi, Zazzera e Di Giuseppe, per voce di questa ultima, presentano un’interpellanza urgente situazione degli Studenti di Scienze della Formazione Primaria di Palermo e di tutta Italia .

Quello che è stato eccezionale nel 2007 non riusciamo a capire perché non possa essere tale nel 2008. Per le categorie di abilitati e di abilitandi che ho menzionato precedentemente il MIUR non ha previsto la possibilità di accesso alle graduatorie ad esaurimento, possibilità che è stata concessa precedentemente nel
2007. Questa è una ingiustizia. In questo modo, e di fatto, andate a creare una disparità di trattamento, che oltretutto è inspiegabile, tra chi ha conseguito lo stesso titolo con le stesse modalità in un periodo successivo. È questo che non possiamo accettare
”.

Le parole dell’Onorevole di Giuseppe bloccano davanti allo schermo decine di migliaia di persone che rimangono con il fiato sospeso mentre i fatti vengono presentati attraverso un’impeccabile e minuziosa disamina.

Tanta la soddisfazione degli studenti di Palermo che speranzosi dichiarano:

All’Onorevole Di Pietro ed ai Suoi Colleghi, diciamo, con tutto il cuore: grazie! L’esito, affidato alla voce del Dr. Giuseppe Pizza, Sottosegretario per l’istruzione, l’università e la ricerca, è stato diverso da quello sperato.

Noi continueremo a studiare. Continueremo ad impegnarci, Speriamo che lo facciano anche Loro per noi e per il nostro Paese. Anche noi desideriamo dare il nostro contributo all’Italia. E per farlo, desideriamo rimanere qui: continueremo ad investire tempo ed a sostenere immensi sacrifici.

Questo è il nostro modo di sostenere quanti vorranno impegnarsi. Auspichiamo che le Istituzioni, Tutte, intervengano al più presto per risolvere l’ennesimo dramma che si sta consumando nel mondo della scuola. Noi ci contiamo”.

Maria Teresa Violi

Google+
© Riproduzione Riservata