• Google+
  • Commenta
30 Maggio 2011

Progetti e buoni propositi per il nuovo Rettore della Suor Orsola Benincasa

Eletto all’unanimità come successore di Francesco De Sanctis, a capo dell’Università Suor Orsola Benincasa sin dal 1993, Lucio d’Alessandro abbraccia con orgoglio il nuovo compito che gli è stato assegnato.Un ruolo di grande responsabilità, dice d’Alessandro, “che cercherò di adempiere con tutta la dedizione che ho sempre messo nei tanti progetti che sono riuscito a realizzare al Suor Orsola: la creazione del corso di laurea in scienze della comunicazione, del corso di laurea in scienze e tecniche di psicologia cognitiva, del corso di laurea magistrale in imprenditoria e creatività per cinema, teatro e televisione, la nascita della prima Scuola di Giornalismo del Mezzogiorno peninsulare e del primo master italiano specificamente dedicato alla Promozione, valorizzazione e riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata”.

Primo obiettivo, quello di continuare la linea lavorativa già condivisa con De Sanctis durante gli ultimi 18 anni; i progetti da attuare però sono tanti, e nonostante la difficile congiuntura storica in cui si vengono a trovare le università proprio durante il periodo del suo mandato, Lucio d’Alessandro promette di potenziare in modo decisivo il ruolo dell’università nello sviluppo e potenziamento del territorio.

Sostiene il nuovo Rettore, bisogna potenziare le attività di ricerca scientifica nel campo delle scienze umane, e condividere nuovi progetti di formazione a livello internazionale, per fare della Suor Orsola Benincasa, già importante ateneo del Mezzogiorno, fiore all’occhiello del sistema universitario dei paesi Europei e del Mediterraneo.

Parola d’ordine “giovani.” Per un’università meno chiusa in se stessa e sempre più aperta alle collaborazioni con le imprese e con il mondo del lavoro, in modo che i vari settori dell’economia del nostro territorio possano avvalersi del sapere che si raccoglie all’interno delle università, e che agli studenti delle università sia concesso a loro volta di confrontarsi sempre più con le conoscenze che vengono dalle esperienze pratiche delle professioni.

Marilena Grattacaso

Google+
© Riproduzione Riservata