• Google+
  • Commenta
28 Maggio 2011

Progetto “Libera le idee” all’Unical

Venerdì 27 maggio nell’Aula Magna dell’Università della Calabria si è tenuta la giornata conclusiva del progetto “Libera le idee”, riservato agli studenti delle scuole medie e ideato dalla facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’ateneo cosentino, col patrocinio del Dipartimento Istruzione, Cultura e Ricerca della Regione Calabria.

Ben 29 le scuole presenti alla manifestazione, per un totale di oltre mille ragazzi in un’Aula Magna davvero gremita. Gli istituti presenti hanno potuto allestire degli stand nell’area dell’auditorium riservata alle esposizioni, stand in cui era possibile visionare i lavori svolti dai ragazzi nell’ambito del progetto. Questi lavori non solo hanno aiutato gli studenti nello studio delle scienze, ma anche e soprattutto hanno permesso loro di scatenare la loro inventiva e il loro entusiasmo: e sicuramente non c’è niente di più bello che permettere ad un ragazzino di 10-11 anni di liberare la propria creatività.

La manifestazione si è aperta con i saluti del rettore, prof. Giovanni Latorre. Il Magnifico ha sottolineato l’importanza di un progetto che ha permesso a questi giovanissimi ragazzi il perfezionamento dei loro studi di matematica e fisica e che riduce la distanza tra scuola e università, “uno dei grandi problemi sui quali da sempre auspichiamo l’impegno concreto e continuo delle Istituzioni”.

Dopo l’intervento del prof. Latorre è intervenuto in video conferenza l’assessore alla cultura della Regione Calabria, Mario Caligiuri: “In maniera molto semplice l’obiettivo che ci siamo posti è quello che i nostri alunni sappiano meglio leggere, scrivere e far di conto. In tale direzione un progetto come “Libera le idee” è importantissimo e contribuisce al miglioramento del sistema scolastico”, ha affermato l’assessore.

Sono poi intervenuti, nell’ordine, il preside della facoltà di S.M.F.N., il prof. Gino Mirocle Crisci, la prof. Assunta Bonanno (Coordinamento Operativo del Progetto), Margherita D’Aprile (Coordinamento Ambito Disciplinare di Matematica), Silvia Mazzuca (Coordinamento Ambito Disciplinare di Scienze), Donatella Barca (Coordinamento Ambito Disciplinare di Geologia) e Teresa Ting (Coordinamento Moduli CLIL).

Dopo questi interventi la luce dei riflettori è stata tutta per i ragazzi e i loro progetti, che hanno dimostrato ottime basi per un futuro luminoso: ora tocca alle istituzioni, che dovranno agire in modo da non far andare sprecati i talenti di questi giovanissimi: insomma, l’appello è che il Sud e le sue nuove generazioni non vengano abbandonate a se stesse come avviene purtroppo da sempre.

Alberto De Luca

Google+
© Riproduzione Riservata