• Google+
  • Commenta
12 giugno 2011

Fumare nuoce gravemente alla salute, ma riduce la fame

Che fumare smorzasse l’appetito, era già da tempo una opinione abbastanza diffusa. Ne è ad esempio testimonianza, l’incremento di peso al quale molte persone vanno incontro quando smettono di fumare. In queste ore, i ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston, hanno confermato questa teoria così diffusa e hanno spiegato come la nicotina agisce nel cervello inibendo la fame.

A coordinarli è stata Marina Picciotto, della prestigiosa Università di Yale. Una ricercatrice italiana che già in passato si è occupata delle ripercussioni delle sigarette sull’organismo. Nel 2006 ha infatti scoperto il gene CREB. Si tratta di un gene, direttamente interessato dalla nicotina, che stimola la voglia di fumare le sigarette.

Assieme a questi studiosi, ha lavorato un gruppo di ricercatori dell’Università delle Hawaii. Le loro indagini, sono state effettuate attraverso un esperimento su delle cavie da laboratorio. Ad alcuni di questi topi è stato somministrato un farmaco antidepressivo, che agisce sugli stessi recettori del cervello stimolati dalla nicotina. I ricercatori si sono accorti che i topi sottoposti a questo trattamento mangiavano meno rispetto agli altri.

Attraverso questo esperimento, gli studiosi si sono accorti che la nicotina attiva alcuni recettori di superficie del cervello. Questi stimolano i neuroni POMC (pro-opiomelanocortina), in quella parte dell’encefalo che si chiama ipotalamo. Situato al centro dei due emisferi del cervello, l’ipotalamo comprende diversi centri, che controllano funzioni legate al sonno, al bilancio idro-salino e all’assunzione di cibo.

La speranza dei ricercatori è quella di creare un farmaco che agisca in modo analogo rispetto alla nicotina. Un farmaco del genere potrebbe ridurre l’appetito e di conseguenza combattere l’obesità. Se per caso, leggendo questo articolo, vi fosse venuta voglia di uscire a comprare un pacco di sigarette per smaltire i chili di troppo, tenete presente che le il fumo da sigaretta è causa di cancro polmonare e faringeo, malattie cardiache, bronchiti e malattie polmonari.


Alessio Testa

Google+
© Riproduzione Riservata