• Google+
  • Commenta
7 ottobre 2011

Come risparmiare sulle tasse universitarie, m’iscrivo all’Uniba

Le tasse unversitarie sono sempre un problema che grava sulle tasche degli studenti e, il più delle volte delle loro famiglie. All’inizio di ogni anno accademico bisogna compilare il modulo, che, dopo la dichiarazione dei redditi, terrorizza di più le famiglie italiane, ovviamente quelle che hanno uno o più figli all’università, l’ISEE.

Le tasse universitarie sono spesso salate, certo va anche aggiunto che, come tutti ben sanno, gli studenti il cui Isee risulta essere di prima fascia in realtà pagano molto meno di coloro che sono in ultima fascia, in più a seconda della facoltà che si sceglie le tasse possono essere più o meno care.

Il segreto però, per chi vuole pagare meno è uno e uno soltanto, andare a scegliere l’università con le tasse più basse. Bene, per tutti coloro che puntano al risparmio la soluzione è andarsi ad iscrivere all’Università Aldo Moro di Bari.

Una recentisima ricerca di federconsumatori ha infatti accertato che l’ateneo pugliese è quello che fa pagare ai propri studenti la retta meno cara. Anche se in generale tutto il sud paga meno del nord. Se si vuole bloccare la “fuga dei cervelli dalle università italiane”, obbiettivo dichiarato dal Ministro Gelmini una settimana fa quando annunciava trionfalmente insieme al ministro Fitto lo stanziamento di un milione di euro per le università del Sud, forse bisognerebbe dare quete informazioni alle famiglie italiane.

L’Uniba, addirittura, fa una cosa che molti diffidenti stenterebbero a credere, premia i migliori e punisce i peggiori. In che senso? Semplice, più lo studente va bene all’università, ossia s’impegna, fa gli esami e prende buoni voti, meno paga di tasse universitarie, al contrario più il suo rendimento sarà scarso più le tasse cominceranno a lievitare.

Un ottimo sistema quello dell’Università Aldo Moro, il caldeggiandolo vivamente anche per altre università italiane.

Francesco Tamburrino

Google+
© Riproduzione Riservata