• Google+
  • Commenta
7 ottobre 2011

Laurea honoris causa al ministro esteri del Kuwait Sabah Al-Salem Al-Sabah

E’ stata conferita la Laurea honoris causa in Sistemi di Comunicazione nelle Relazioni Internazionali al vice primo Ministro e Ministro degli esteri del Kuwait Sabah Al-Salem Al-Sabah dalla Università per Stranieri di Perugia giorno 6 ottobre 2011, durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2011/2012.

All’inaugurazione dell’anno accademico nell’ottanseiesimo anniversario della fondazione dell’Ateneo era presente il Ministro degli Affari Esteri Franco Fattini. Grande soddisfazione del rettore Stefania Giannini che ha ricordato :

La competizione stimola condizioni di concorrenza fra atenei ed insieme alla cooperazione risponde alle urgenze di una societa’ globale e mobile con tassi di immigrazione elevati, al pari di quelli della disoccupazione giovanile e con bisogni crescenti di dinamismo economico e di innovazione”.

I meriti dello sceicco Sabah Al-Salem Al-Sabh sono legati alle sue esperienze nel campo della diplomazia internazionale e alle abili relazioni economiche internazionali ed intergovernative. Prima del conferimento della laurea honoris causa il Ministro degli Esteri del Kuwait ha tenuto una lectio doctoralis dal titolo “Kuwait: ridurre i divari. Il destino di una Nazione“. Subito dopo ha ricevuto dalle mani del rettore Stefania Giannini la pergamena recante il titolo di dottore in Sistemi di Comunicazione nelle Relazioni Internazionali.

Sono otto mila – ha aggiunto il rettore – gli studenti provenienti dai 5 continenti che si iscrivono ogni anno per imparare la cultura italiana, ma l’Universita’ predispone anche progetti specifici alla domanda di istruzione proveniente dalla sponda Sud del Mediterraneo.

I libici sono arrivati a Perugia tra mille traversie, con l’obiettivo di poter trovare in futuro un’occupazione in un Mediterraneo di pace, come già i giovani magistrati afgani nel 2010 e gli ingegneri libanesi nel 2009. E’ un modesto contributo il nostro che appartiene alla tradizione internazionalistica di questo ateneo“.

In conclusione, il rettore rettore ha parlato di un’università italo-kuwaitiana, una proposta che potrebbe sintetizzare l’impegno dei due Paesi, per il futuro dei giovani italiani e kuwaitesi.

Danilo Ruberto

Google+
© Riproduzione Riservata