• Google+
  • Commenta
31 ottobre 2011

Master per manager dello sport

Sempre più donne a rivestire l’incarico di manager sportivo, professione da sempre presidiata dagli uomini. Lo rivelano le iscrizioni del Master in “Sport Management, Marketing and Sociology” 2011-2012 della Facoltà di Sociologia dell’Università di Milano – Bicocca, che vedono per la prima volta le donne sorpassare di numero gli uomini.

Un futuro sempre più rosa, dunque, per la dirigenza sportiva, e i casi di Rosella Sensi, che è stata amministratore delegato e presidente della Roma calcio, e di Giusy Achilli, presidente del Pavia calcio negli anni 90, potrebbero non essere più cosi rari.

I 25 partecipanti, sono stati selezionati tra i 58 che hanno presentato la domanda, ed il 62% degli aspiranti manager dello sport quest’anno è stato rappresentato da donne.

Il Master, diretto da Franco B. Ascani, membro della Commissione “Cultura ed Educazione Olimpica” del Comitato Internazionale Olimpico, quest’anno festeggia il suo decimo anniversario.

Il Master è stato aperto il 21 ottobre, alla presenza del Rettore, Marcello Fontanesi, e del preside di Facoltà di Sociologia, Antonio De Lillo. L’attività didattica prevede lezioni di personaggi dello sport come Massimo Oddo, Josefa Idem e Pietro Mennea, e di giornalisti come Italo Cucci, Ruggero Palombo e Dan Peterson.

Il Master sarà compatibile con lo svolgimento delle attività professionali dei partecipanti, e prevede un percorso formativo di 1550 ore di cui 200 di lezione, 650 di addestramento professionale presso istituzioni, organizzazioni, federazioni, enti locali, leghe e società sportive nazionali ed internazionali, aziende, agenzie giornalistiche o pubblicitarie, partecipazione alla gestione di eventi sportivi a Milano, in Lombardia ed in Italia, ed infine 300 dedicate all’elaborazione di progetti.

Inoltre verranno conferiti ai partecipanti 62 crediti formativi. L’obiettivo primario del Master sarà quello di rispondere in modo competente in campo manageriale alle esigenze di nuove professionalità delle imprese e del mondo sportivo.

Gabriele di Grazia

Google+
© Riproduzione Riservata