• Google+
  • Commenta
29 ottobre 2011

Pisa: un aiuto per il respiro dei neonati!

Un simulatore respiratorio neonatale da utilizzare nella formazione continua sul campo di tutto il personale sanitario che opera nelle neonatologie. Questo è Meressina, progetto promosso dall’Azienda ospedaliero universitaria pisana e dall’istituto di biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, risultato vincitore, unico in Toscana, del bando nazionale promosso da Agenas.

Grazie al finanziamento ottenuto, il progetto ora passa alla fase operativa con lo studio e la progettazione del dispositivo. L’idea è nata proprio dalla collaborazione tra il Centro Nina, diretto dal Dott. Armando Cuttano, dove esiste ormai una task-force di operatori che fanno formazione in tutt’Italia sulle tecniche di rianimazione neonatale su robot interattivo, e il gruppo di ricerca dell’Istituto di BioRobotica della Sant’Anna diretto dal Prof. Paolo Dario.

L’obiettivo è far compiere un passo avanti al simulatore, che replica tutte le funzioni vitali di un neonato in carne e ossa, e progettare un simulatore respiratorio neonatale ancora più innovativo, per migliorare le prestazioni del personale sanitario proprio in materia di respirazione assistita, per accrescere la sicurezza dei piccoli pazienti.

Da un punto di vista ingegneristico questo progetto rappresenta una sfida interessante per l’istituto di biorobotica, perchè sarà necessario un processo di miniaturizzazione per rendere il sistema non solo funzionale, ma soprattutto anatomicamente simile ai piccoli pazienti curati quotidianamente nel reparto di neonatologia pisano.

Il simulatore rappresenta l’inizio di una avvincente linea di ricerca che ci porta a studiare un ambiente, quello polmonare, molto complesso e sofisticato e se si pensa che l’obiettivo del progetto è la simulazione morfologico-funzionale del polmone di neonati pretermine, la complessità anatomica aumenta e, a livello ingegneristico, le competenze di miniaturizzazione diventano fondamentali.

Meressina può rappresentare perciò un importante passo in avanti per tutta la comunità scientifica, con l’obiettivo comune di far diventare il Centro di simulazione neonatale dell’Aoup un importante centro di eccellenza sia a livello nazionale che internazionale.

Giampaolo Felli

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy