• Google+
  • Commenta
29 ottobre 2011

Presentato il Programma Fulbright presso l’Università degli Studi di Messina

Mercoledì 26 Ottobre 2011 si è svolta presso l’Università degli Studi di Messina la presentazione del Programma Fulbright, uno scambio internazionale che riguarda gli artisti e gli scineziati che partecipno a proggetti di ricerca di rilivo internazionale.

Il Programma Fulbrigt è stato creato dal senatore americano J. William Fulbright nel 1946 e in Italia è stato promosso e finanziato dal Dipartimento di Stato statunitense e dal Ministero degli Affari Esteri italiano e amministrato dalla Commissione per gli Scambi Culturali fra l’Italia e gli Stati Uniti.

Dal 1948 possiamo contare circa 8.000 boristi, sia italiani che americani, che hanno preso parte a questo Programma di ricerca ed insegnamento, dei quali molti occupano oggi posizioni di grande rilievo professionale.

“Obiettivo del Programma Fulbright è favorire lo scambio culturale tra l’Italia e gli Stati Uniti in tutti i campi: dalle discipline umanistiche e scientifiche alle scienze sociali e le arti. A tal fine la Commissione si rivolge a cittadini italiani laureati in tutte le discipline o diplomati dalle Accademie d’Arte e conservatori di Musica, dottorandi di ricerca, dottori di ricerca, ricercatori e professori universitari. La Commissione offre altresì borse di studio ad Università italiane interessate ad invitare presso la loro sede docenti e ricercatori statunitensi Fulbright per tenere lezioni e/o seminari.”

Così viene spiegata e proposta questa iniziativa che promuove interazioni tra gli Stati Uniti e le altre nazioni del mondo, finanziando chi vi partecipa attraverso l’assegnazione di borse di studio.

Le borse di studio Fulbright sono offerte a:

– studenti laureati o diplomati presso Accademia d’Arte e Musica
– studenti del corso di dottorato di ricerca in Italia;
– professori della scuola secondaria
– ricercatori e professori universitari

In ogni caso,per poter partecipare a tale Programma bisogna possedere una certificazione TOEFL (Test of English as a Foreign Language) o dal certificato IELTS (International English Language Testing System, modalità Academic format) che attesti un ottima consocenza della lingua inglese, requisito fondamentale per chi desidera prendere a parte allo scambio culruale.

Il Programma Fulbright è il più importante programma di scambi culturali oggi esistente e conta nei suoi 60 anni di vita circa 294.000 partecipanti e 7.500 borse di studio assegnate in tutto il mondo.

Si invita chiunque sia interessato a partecipare, il Programma Fulbright è un ottima occasione per realizzare le proprie aspirazioni, permette ai ragazzi di scoprire una cultura diversa dalla propria, fraterniazzare e creare legami di amicizia con una società così differente da quella in cui si è stati educati.

Avvicinarsi a chi è così dissimile da ciò che si è sempre abituati ad essere, non solo apre la mente ma fa crescere.
E crescere,maturare, conoscere è lo scopo dell’educazione.

L’incontro è stato presieduto dal Delegato del Rettore alle Relazioni Internazionali, M’Hammed Aguennouz, il Direttore Amministrativo dell’Università, avv. Giuseppe Cardile, la dott.ssa Grazia De Tuzza, Capo Area della Ricerca Scientifica, Alta Formazione e Relazioni Internazionali e la dott.ssa Federica Di Martino della Commissione Fulbright che ha spiegato l’iter di iscrizione alle Università negli Stati Uniti e ha risposto alle domande riguardanti le borse di studio Fulbright.

Maria Porzio

Google+
© Riproduzione Riservata