• Google+
  • Commenta
10 ottobre 2011

Uniud: “Medica scriptura”

«Siamo come nani sulle spalle di giganti così che possiamo vedere più cose di loro e più lontane, non certo per l’altezza del nostro corpo, ma perché siamo sollevati e portati in alto dalla statura dei giganti». Con queste parole Bernardo di Chartres, filosofo francese del 12° secolo, fissava l’importanza dello studio del passato per capire il presente. Ma come comprendere la storia, quando la storia è in latino e quando la storia è storia della scienza? Come tradurre un testo in lingua latina di argomento medico? Quali i metodi di interpretazione critica del testo?

Se ne parlerà mercoledì 12 ottobre 2011 nel corso della giornata di studio “Medica Scriptura. Cultura e retorica nella letteratura medica in latino in area veneta” in Archivio Antico di Palazzo Bo, in via VIII febbraio 2 a Padova.

La giornata di studio pone al centro del dibattito il dialogo fra cultura scientifica e cultura umanistica con l’obiettivo di riflettere sulla modalità di traduzione e interpretazione dei testi medici in lingua latina. Il convegno nasce da un percorso di ricerca, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito dei progetti di eccellenza 2008, dedicato alla letteratura medica in lingua latina di area veneta tra Cinquecento e Seicento. Il progetto prevede lo studio di opere significative e meno studiate dalla Scuola medica patavina quali l’Epitome del De humani corporis fabrica di Andrea Vesalio (Basilea 1543); il De venarum ostiolis di Girolamo Fabrici d’Acquapendente (Padova 1603), il De re anatomica di Realdo Colombo (Venezia 1559) e il De peste di Alessandro Massaria (Venezia 1579).

Aprirà i lavori GIUSEPPE ZACCARIA, Rettore dell’Università di Padova, alle ore 9.30 e seguiranno due sessioni moderate rispettivamente da GAETANO THIENE, docente di Anatomia Patologica all’Università di Padova, ed EMILIO PIANEZZOLA, docente della Facoltà di Lettere e Filosofia.
Durante la prima sessione verrà illustrato il progetto di ricerca “Letteratura medica in latino del XVI e del XVII secolo in area veneta: la Scuola anatomica padovana”, con particolare riferimento al lessico anatomico. Nel corso della seconda sessione si approfondiranno tematiche inerenti le opere di Morgagni, Massaria e d’Acquapendente.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy