• Google+
  • Commenta
17 novembre 2011

All’Università del Salento inaugurato il nuovo anno accademico

All’università del Salento è da poco terminata la cerimonia d’inaugurazione dell’anno accademico.

Alla cerimonia, svolta presso il centro congressi Ekotekne di Lecce, oltre al rettore Laforgia e ai presidi di facoltà, hanno preso parte anche rettori provenienti da diverse università italiane, tra cui quelli della Federazione del Sud Est d’Italia Unisei, che raccoglie le Università di Puglia, Molise e Basilicata.

In apertura gli interventi più pregnanti che hanno toccato diverse tematiche ed evidenziato le criticità esistenti all’Interno del sistema universitario italiano. Relazioni iniziali, affidate al coordinatore della Consulta del personale tecnico amministrativo Antonio Melcarne, al presidente del Consiglio degli studenti Pier Paolo Miglietta e al rettore Laforgia.

Il rettore ha sottolineato come ci sia la necessità di promuovere nuove strategie didattiche che non siano orientate soltanto al conseguimento dei crediti universitari e al superamento degli esami in tempi brevi ma che guardino piuttosto ad un contesto più ampio e , forniscano allo studente strumenti adeguati per stare al passo coi tempi e proiettarsi in un contesto internazionale.

Non sono persuaso che concentrare tutte le nostre energie perché un individuo consegua 180 crediti formativi in tre anni sia la strategia che a lungo termine dia i risultati che ci attendiamo – ha dichiarato il rettore Laforgia – la formazione, il prendere e dare forma come indica la stessa etimologia, si sta orientando sempre più verso forme di addestramento diverse: dall’inglese training, che agisce con logiche e pratiche funzionali ad altri scopi”.

Laforgia inoltre ha stigmatizzato la delegittimazione in atto nei confronti delle facoltà umanistiche considerate ormai come poco utili e messe ai margini del sistema universitario e lavorativo e a tal proposito ha detto:”Intravvedo in questa scelta un pericoloso disegno che tene a produrre una generazione fatta di individui professionalmente preparati, macchine tecnicamente qualificate, ma soprattutto docili perché la loro capacità di pensare criticamente non è stata adeguatamente costruita”.

L’inaugurazione dell’anno accademico è stata accompagnata dal conferimento, da parte della facoltà di Lingue dell’Università, della laurea honoris causa a Stanislaw Dwiwisz, arcivescovo metropolita di Cracovia, che ha collaborato per oltre quarant’anni con il papa Giovanni Paolo II, come suo segretario personale. La laurea in Mediazione linguistica , è stata conferita all’alto prelato, per il suo impegno nella promozione dell’integrazione dei popoli e in particolare del popolo ebraico.

Vincenzo Amone

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy