• Google+
  • Commenta
4 novembre 2011

“FEDEWEB”: la Federico II cambia immagine

Finalmente gli studenti e i laureati universitari che abbiano meno di 30 anni e siano grandi esperti del computer, possono mettere a disposizione le proprie conoscenze e le proprie capacità per l’Università di Napoli Federico II.

L’Ateneo infatti ha indetto il concorso di idee “FEDEWEB” per realizzare un nuovo concept grafico del portale della Federico II.

La partecipazione può essere collettiva o individuale : ciò che conta è che si abbia una valida idea che trasmetta il concetto di comunicazione grafica del/i partecipante/i.

La nuova interfaccia del portale Unina dovrà valorizzare le scelte comunicative dell’Ateneo e agevolare l’acquisizione di tutte le informazioni ricercate dagli utenti.

Chiarezza, originalità e creatività saranno quindi alcuni dei tratti distintivi del progetto, attraverso la cui combinazione i concorrenti potranno arrivare a vincere premi per 1.000, 2.000 e 3.000 euro.

Inoltre gli studenti hanno la possibilità di intervenire nel concorso non solo in quanto partecipanti, ma anche come giurati.

Infatti 50 studenti iscritti ai Corsi di studio dell’Ateneo saranno estratti tramite sorteggio per formare la Giuria, e avranno il compito di valutare le proposte dei concorrenti mediante un’area riservata del sito web dedicato all’iniziativa.

Ciò vuol dire che saranno gli studenti stessi a valutare se un progetto è più adatto rispetto ad un altro a rispondere alle esigenze di ogni tipo utente e di ogni tipo di ricerca.

Le proposte devono pervenire entro le 14 del giorno 18 novembre 2011 alla segreteria del concorso (c/o COINOR – c.so Umberto I, 40 80138 Napoli).

Sono richieste idee totalmente inedite e sviluppate esplicitamente per il concorso : ovviamente insieme all’originalità, esse dovranno distinguersi per tecnica e funzionalità.

Per ogni altra informazione è possibile consultare il sito www.coinor.unina.it/fedeweb oppure contattare la segreteria all’indirizzo infofedeweb@unina.it.

Non resta che mettere mano ai portatili e lasciare spazio alle idee, perché potrete dipingere nuovamente il volto virtuale della vostra università!

Simona Esposito

Google+
© Riproduzione Riservata