• Google+
  • Commenta
18 novembre 2011

Marte: La Nasa Ricerca Forme di Vita

Di recente, la Nasa ha pubblicato i dettagli della prossima missione marziana. Accolta da un fremito globale, la Mars Science Laboratori (Msl) ha quale obiettivo catartico la rivelazione del misterioso passato del Pianeta Rosso.

Il lancio del razzo, il rover Curiosity, avverrà alle 16:25 del 25 Novembre. L’arrivo su Marte, invece, avverrà soltanto nell’agosto del 2012. Si tratta di una missione d’estremo rilievo.

Curiosity è una sorta di laboratorio d’ultima generazione, mobile e capace di arrampicarsi lungo fallaci pendici. Si tratta di un rover molto pesante. Infatti, contiene strumenti il cui peso complessivo è 15 volte superiore a quello dei precedenti rover, Spirit ed Opportunity.

Per ovviare al problema, gli scienziati hanno pensato di addolcire l’impatto con il suolo marziano attraverso l’ausilio non di un classico paracadute, bensì di un mini-razzo, pronto ad accendersi all’occorrenza.

L’obiettivo geografico della missione è il cratere di Galle, situato su di una montagna alta 5000 metri.

Gli scienziati sperano di poter ottenere prove sufficienti a dimostrare l’esistenza, seppure arcaica, di microrganismi ed altre forme di vita elementare.

Secondo John Grotzinger, responsabile scientifico della missione e ricercatore presso l’Università della California, esistono valide possibilità di riscontrare tracce di una vita passata: “ Il cratere di Galle ci offre una sintomatica opportunità di sperimentare le potenzialità di verifica di questo ambiente di ospitare forme di vita e raccogliere copiosi dati sull’evoluzione del pianeta.

Non a caso, Curiosity atterrerà in un’area che si è formata in seguito a processi di sedimentazione alterati dall’acqua e che pertanto potrebbero aver prodotto solfati e strati argillosi di notevoli dimensioni”.

Antonio Migliorino

Google+
© Riproduzione Riservata