• Google+
  • Commenta
21 novembre 2011

Un giorno per noi

E finalmente è arrivata la giornata dedicata agli studenti. L’incontro internazionale di giovedì 17 novembre, è stato un momento per ricordare e per parlare del futuro. La città di Forlì, dove è presente la sede staccata dell’Università di Bologna, ha partecipato alla manifestazione che si è svolta in più incontri dedicati ai giovani.

La giornata è stata organizzata da Udu, Unione degli universitari di Forlì e l’invito è stato rivolto sia gli studenti che ai forlivesi autoctoni e di adozione, con l’obiettivo di coinvolgerli nella realtà universitaria della loro città. Per rompere il ghiaccio, gli appuntamenti sono iniziati alle 13 in Piazzale Solieri, con un pranzo offerto dall’associazione, ma sono continuati affrontando tematiche che riguardano i giovani direttamente.

La conferenza si è tenuta nelle aule Mazzini di Corso della repubblica e, con l’intervento di Filippo Tronconi, ricercatore in Scienza politica si è iniziato a discutere della situazione politica italiana che si ripercuote soprattutto sui giovani universitari. Il convegno è iniziato parlando dell’Italia, per poi arrivare all’Europa.

Gli incontri sono continuati alle 18 all’interno della Facoltà di Scienze politiche con Maura de Bernart, ricercatrice di Storia del pensiero sociologico e con Valentina Ravaioli, assessore alle Politiche giovanili di Forlì. Dopo una proiezione con immagini riguardanti la vita universitaria forlivese, le due relatrici hanno parlato della città e di come gli studenti fuori sede e provenienti da paesi esteri siano diventati parte della stessa.

L’Udu di Forlì ha deciso di considerare questa giornata come un momento simbolico per gli studenti, perché da oltre 60 anni, il 17 novembre è una data di grande valore in memoria di chi in passato ha lottato per arrivare alle istituzioni universitarie di oggi. Questa momento tocca gli universitari di più parti d’Europa. Infatti nel 1939 un gruppo di cecoslovacchi che si opponevano alla seconda guerra mondiale, vennero arrestati e uccisi dal regime nazista. Nella medesima data del 1973 in Grecia molti studenti del Politecnico di Atene vennero massacrati dai carri armati del regime.

In ricordo di queste manifestazioni pacifiche, l’assemblea mondiale di Bombay del World Social Forum , decise nel 2004 di ripristinare questa data e di renderla un momento di mobilitazione studentesca.

Alice Dalla Vecchia

Google+
© Riproduzione Riservata