• Google+
  • Commenta
27 dicembre 2011

Avellino: arriva il Corso di Laurea in “Viticoltura ed Enologia”

Da oggi in poi tutte le province campane potranno dire di avere un’Università. Ebbene si, dopo i rinomati atenei di Salerno, Benevento, Caserta e Napoli, anche Avellino ha un suo polo universitario. Nella storica sede dell’istituto agrario “F.De Sanctis”, infatti, lo scorso 23 dicembre, il presidente della Provincia di Avellino, Cosimo Sibilia, il sindaco di Avellino, Giuseppe Galasso e l’onorevole Alberta De Simone hanno inaugurato, con il consueto taglio del nastro, il corso di laurea triennale in “Viticoltura ed Enologia”.

Quest’inaugurazione per me – spiega il sindaco irpino Galassoè motivo di orgoglio. La cultura del vino in Irpinia è molto diffusa. Il vino per il meridione -conclude- è uno dei punti nevralgici dell’economia, soprattutto in una realtà degradata dalla crisi”.

Sono assolutamente concorde con l’importanza e la necessità di spostare in questa sede la Facoltà-spiega il rettore della Federico II, Massimo Marrelliricordiamo che sin dalla fine del 1700 già De Sanctis elogiava la qualità dei territori irpini e dei vigneti. Sicuramente -continua- questo è uno dei corsi eccellenti dell’Università di Napoli che darà la possibilità a 50 studenti, di poter fruire di una struttura importante come questa di Avellino: 750 mq entro i quali poter svolgere al meglio i propri studi. Un made in Italy –conclude Marrellianche più importante della moda, primi produttori di vini al mondo, settore in crescita, strutturare una sede così moderna nelle terre avellinesi, rinomate nei secoli per la loro fecondità e produttività, è stata una scelta obbligata”.

La nuova sede, ristrutturata e ammodernata, offrirà agli studenti e ai docenti una migliore organizzazione del lavoro consentendo una piena integrazione delle attività didattiche e di ricerca e come spiega il Preside del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia dell’ Università di Napoli Federico II, Luigi Frusciante: “Il nostro intento è di formare gli allievi mettendo loro a disposizione laboratori innovativi e all’avanguardia”.

Gli studenti – precisa l’on. De Simoneavranno a disposizione oltre ad una cantina tra le più avanzate in Italia, anche un secondo lotto dove poter ampliare gli studi e le coltivazioni”.

E nel frattempo già arrivano le prime idee sul futuro del polo universitario, infatti è lo stesso senatore Sibilia che propone di indirizzare i finanziamenti per il Tunnel (fermo ormai da tempo) all’ampliamento della sede dell’ateneo ma la De Simone, invita a rimanere con i piedi per terra ed afferma che “Diventerà una vera e propria cittadella universitaria, rinomata non solo a livello nazionale, ma addirittura in tutto il mondo. Abbiamo a disposizione uno spazio di 20 ettari -conclude- all’interno del quale poter realizzare un eccellente punto di riferimento, anche a livello nazionale, per gli studi di enologia“.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy