• Google+
  • Commenta
26 dicembre 2011

I giovani che non mollano: due ventenni politicamente corretti

Italia 2011, fra giovani che emigrano e anziani che non mollano le poltrone ci sono anche loro, a dividerli c’è una nazione, uno è di Bergamo e l’altro di Bari; l’università, iscritto ad Architettura al Politecnico di Milano il primo, iscritto a Scienze politiche all’Università di Roma Sapienza l’altro; e la politica, uno è iscritto al Pdl e l’altro al Pd

Ad unirli c’è la passione per la politica, quella che va cambiata dall’interno, che nasce dai piccoli gesti e dalle piccole attenzioni, e il nome, Nicola.

Nicola di Bergamo ha 25 anni ed è consigliere comunale per il PDL, di un paese di 8000 abitanti nell’hinterland bergamasco già da quando ne aveva 22; è coordinatore politico della sua sezione locale e per due anni è stato consigliere di facoltà del Polimi.
Nicola di Bari di anni ne ha 21, è iscritto al suo partito già da quando di anni ne aveva 18 e fra le fila del PD organizza eventi che avvicinino giovani, politica e territorio.

Gli abbiamo posto alcune domande per capire cos’è per loro la politica italiana e cosa hanno visto nei loro partiti, tanto da andare oltre il semplice voto elettivo, decidendo di tesserarsi e iniziare così a fare della politica attiva, lontana dai luoghi comuni e dai qualunquismi. Queste sono le loro risposte.

Segue dalla prima parte

I partiti sono tutti uguali?

NicolaPDL:Assolutamente no, ideale, organizzazione, vicinanza alla gente e altri aspetti differiscono pesantemente.

NicolaPD: Scusami, qui vorrei peccare un po di presunzione. Il PD è l’unico partito in cui vi è una vera e propria struttura organizzativa democratica ad ogni livello territoriale (nazionale, regionale, provinciale, locale….) Non siamo mai stati il partito del pensiero unico , il partito del capo assoluto. E’ vero a volte la dialettica tra le varie anime è eccessiva (a volte più basata sulle persone che non sulle questioni) ma comunque necessaria per non scadere nel populismo che impera nella classe politica, anche nel centro-sinistra. Su questo nessuno può darci lezioni.

Cosa cambieresti del tuo partito?

NicolaPDL:L’organizzazione e il sistema poco meritocratico (cosa che comunque cambierà con il processo di riforma interna.

NicolaPD: Nel PD si è avviato un ricambio generazionale che a mio avviso è ancora lentino; deve essere incoraggiato soprattutto con formazione delle nuove classi dirigenti; i giovani del PD (a mio avviso) non sono ottimamente coinvolti nei processi decisionali. Facendo questo finiranno gli scontri ex ds-ex margherita,gli scontri personali e si darà vita a classi dirigenti veramente democratiche.

Chi è il personaggio politico a cui ti ispiri?

NicolaPDL:Al momento a nessuno in particolare, nessuno nello specifico.

NicolaPD: Enrico Berlinguer. Perché fu il primo ad avere coraggio di superare la nomenclatura comunista legata strettamente all’URSS, e in un certo senso teorico della nascita del Partito Democratico.
Dopo la lettura del suo ultimo libro “Il manifesto del partito dei giovani”, apprezzo molto il consigliere regionale lombardo del PD Giuseppe Civati che invita ed incoraggia i giovani “pinocchi italiani” ad occuparsi di politica e a smetterla di delegare gli altri.

Aggettivi & Cosa diresti a…

NicolaPDL:
-* BERLUSCONI – Esagerato/ Rock
-* BOSSI – O_o
-* BERSANI – Vecchio / Pellicola in bianco e nero rovinata / Peppone
-* VENDOLA – Solita storia / Nulla di nuovo
-* DI PIETRO – Rilassati e studia l’italiano
-* FINI – Eri bravino
-* CASINI – Ma ha mai lavorato questo?
-* GELMINI – Coraggiosa ma ininfluente

NicolaPD:
-* BERLUSCONI : Diabolico – <<….Quattro sberle non ti sono bastate?....>>
-* BOSSI : Volgare ed opportunista <<….La padania è solo nei tuoi sogni….>>
-* BERSANI: Pratico <<…..un sorriso quando vinciamo no?...>>
-* VENDOLA : Barocco in politica <<…. A volte non lo capisco – pensa un po di più alla Puglia!...>>
-* DI PIETRO: Giusto <<……magari il condizionale….>>
-* FINI : Ritardatario ma coraggioso <….meglio tardi che mai…>>
-* CASINI : Furbo <<….o con noi o contro di noi…>>
-* GELMINI :Odioso <<….ha una dignità?...>>

Cosa ne pensi dei tuoi coetanei disinteressati alla politica?

NicolaPDL:Sfortunatamente li capisco, ciò che faccio io è di “farli interessare” o quantomeno spiegare loro certi aspetti ma per il resto non posso dir nulla, sono sempre stati tenuti fuori dalla politica anche locale.

NicolaPD:In un certo senso li giustifico e li capisco. Detto questo vorrei dire alla politica di attivarsi affinchè possa sfruttare l’entusiasmo giovanile che è il più sano attraverso fatti e atti che ci porti ad essere veramente partecipe all’interno delle scelte politiche soprattutto quelle inerenti il loro futuro.

Cosa vuoi fare da grande?

NicolaPDL:Architetto/Designer in giro per il mondo eheh (magari)

NicolaPD:Per ora penso solo alla mia Gravina, che tanto ha bisogno di me e di tanti altri che hanno voglia di cambiarla. Se poi gli elettori e gli altri mi riterranno valido anche per la politica a livelli extra-comunali, alla loro chiamata risponderò presente.

Irene Cassaniti

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy