• Carfagna
  • Scorza
  • Leone
  • Mazzone
  • Quaglia
  • Andreotti
  • Tassone
  • Rinaldi
  • Barnaba
  • Rossetto
  • Ward
  • Califano
  • Bruzzone
  • Ferrante
  • Bonetti
  • Falco
  • Dalia
  • Coniglio
  • Grassotti
  • Boschetti
  • Algeri
  • Romano
  • Napolitani
  • Gnudi
  • Crepet
  • Baietti
  • Liguori
  • De Leo
  • Meoli
  • Gelisio
  • Miraglia
  • Romano
  • Casciello
  • di Geso
  • Valorzi
  • Cacciatore
  • Bonanni
  • Quarta
  • Buzzatti
  • Alemanno
  • Pasquino
  • Chelini
  • Cocchi
  • Santaniello
  • De Luca
  • Paleari
  • Catizone

La legge è uguale per tutti? No! Neppure a mensa

31 Dicembre 2011
.
19/09/2021

"La legge è uguale per tutti": bella frase, ma difficile da applicarsi, in ogni dove, persino in una mensa.



Alla mensa del Policlinico Universitario di Monserrato (Cagliari), aperta da due mesi, il prezzario è “ad personam”: un euro per i dipendenti, professori compresi, 6 euro per i medici specializzandi.

Come spesso accade nel nostro beneamato paese, il tirocinante, ricercatore o specializzando di turno riceve sempre un trattamento “riservato”, stipendi più bassi, e prezzi più alti.

Il segretario dei Giovani Medici, Giampaolo Maietta e la neo consigliera dell’Ordine Laura Orgiano e il revisore dei Conti Carlo Piredda, hanno messo in evidenza l’illogicità del doppio prezzo.

«Il presidente dell’Ordine ci ha detto che è una decisione assurda, e ha subito promosso un incontro con l’assessore De Francisci. Oggi il consiglio di ammnistazione dell’Università dovrebbe affrontare il problema, ma informalmente ci è stato detto che avremo solo risposte a voce»
.

Il direttore amministrativo dell’Ateneo ha usato tutte parole che di ufficiale hanno ben poco.

In pratica è come dire, i soldi sono pochi, pochissimi ed è meglio prenderli da chi ne ha ancora meno.

Pagare un pranzo il doppio rispetto ad un professore è “compito” dei ricercatori che guadagnano poche centinaia di euro al mese o degli studenti che pagano tasse che ammontano a quasi mille euro annui.

«Non riusciamo a capire il perché di questa sperequazione – dicono i tre medici – ancor più incredibile se si considera che al San Giovanni di Dio, l’altro presidio ospedaliero dove gli specializzando prestano la loro opera, noi paghiamo 4,5 euro e i dipendenti invece pagano 2euro».

Gli organizzatori pensavano di poter contare sui 700 specializzandi che lavorano al Policlinico, che invece di pagare 6 euro per un pranzo, preparato evidentemente da Gordon Ramsey, come sempre, hanno deciso di accontentarsi di un panino al bar.

Una piccola protesta, che serve a far capire che non sono disposti a pagare il pranzo che lor signori hanno deciso di regalare ai professoroni del policlinico, nonostante questi ultimi guadagnano somme 4-5 volte superiori al loro stipendio.

Lucia Celenta

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata