• Google+
  • Commenta
15 dicembre 2011

Le 7 abitudini che rovinano la nostra salute

Siamo soliti rispettare una serie di attitudini che ci vengono “inculcati” da bambini, in realtà, molti di queste sono solo “cattive abitudini”.
Una serie di ricerche, hanno dimostrato come la routine di molti gesti che effettuiamo, sono completamente errati.

Dormire 8 ore a notte

Farsi otto ore di sonno a notte? E’ una bufala gigantesca. ” Ci siamo evoluti – ha spiegato Jim Horne dello Sleep Research Centre della Loughborough University – per avere modelli di sonno molto flessibili e frammentati, tra cui anche il sonnellino diurno”. Non esisterebbe quindi un solo modello giusto da seguire. “Un breve pisolino di 4 o 15 minuti – ha detto l’esperto – può essere efficace come un’ora in più di sonno a notte“.
Centinaia di anni fa il sonno veniva diviso nell’arco della giornata. Ci si svegliava addirittura nel pieno della notte. “Questo concetto moderno che svegliarsi nel mezzo della notte è una brutta cosa – ha detto Hornepuò effettivamente essere distruttivo per la qualità del nostro sonno“.

Farsi la doccia tutti i giorni

Preoccuparsi troppo dell’igiene personale potrebbe andare a discapito della nostra pelle. Ne è convinto Nick Lowe, consulente dermatologo alla Cranley Clinic di Londra. ” La maggior parte delle persone si lava troppo“, ha detto.

Utilizzare acqua bollente in combinazione con saponi duri – ha continuato – può privare la pelle dei suoi oli con conseguente secchezza, screpolature e persino infezioni. Per la maggior parte di noi non c’è bisogno di lavarsi accuratamente ogni giorno“. Se poi l’idea di saltare una doccia ci fa orrore, secondo il dermatologo, si può fare se ci assicuriamo che l’acqua sia fredda. Se poi si tende ad avere la pelle secca, gli esperti consigliano di sostituire il sapone tradizionale con un gel da doccia senza sapone o una crema acquosa, una pomata emulsionante che contiene oli di paraffina, acqua e conservanti.

Lavare i denti dopo mangiato e risciacquare la bocca dopo aver lavato i denti

Bisogna combattere la cattiva abitudine di lavare i denti dopo averli già puliti. Per Phil Stemmer del Fresh Breath Centre di Londra, “il risciacquo lava via il rivestimento protettivo al fluoro lasciato dal dentifricio che, altrimenti, avrebbe aggiunto ore di protezione in più“.

La cosa ideale sarebbe evitare tutti i liquidi dopo che ci si è lavati i denti. “Io cerco di evitare di non bere per almeno mezz’ora dopo la spazzolatura. E’ una strana sensazione in un primo momento – ha detto l’esperto – ma ci si abitua in fretta“. Altro errore è non bagnare lo spazzolino prima dell’uso. ” Questo può infatti diluire l’effetto del dentifricio. C’è tanta umidità in bocca senza aggiungerla con acqua in eccesso”. Infine, qualsiasi cosa si debba fare è assolutamente vietato lavarsi i denti subito dopo aver mangiato. ” Aspetta almeno mezz’ora – ha detto l’esperto – perché gli acidi e gli zuccheri alimentari indeboliscono temporaneamente lo smalto protettivo dei denti. Se si puliscono troppo presto in realtà si sta spazzolando via dello smalto prima che si indurisca nuovamente. La migliore abitudine -conclude- è quella di lavarsi i denti prima dei pasti e poi rinfrescarseli dopo il pasto con un collutorio senza alcol“.

Stare seduti sul gabinetto

Per quanto comodo possa essere stare seduti sul gabinetto, questa posizione può far male alla salute. Uno studio israeliano, pubblicato sulla rivista Digestive Disease and Sciences, ha rivelato che la posizione più naturale è quella di stare accovacciati perché richiede meno sforzo. Questo a sua volta riduce il rischio di soffrire di problemi intestinali come emorroidi o di malattia diverticolare.

Entrambe le patologie infatti causano gonfiori dolorosi nell’intestino. Secondo Charles Murray, consulente gastroenterologo del Royal Free Hospital di Londra, anche se non ci pensiamo l’atto di “andare in bagno è un complicato processo fisiologico“. L’esperto consiglia quindi ai pazienti che hanno problemi con i movimenti intestinali di mettere una pedana sotto i piedi mentre si sta seduti sul water, in quanto questo contribuisce a far assumere una posizione accovacciata.

Le faccende domestiche

Un gruppo di ricercatori americani ha scoperto in uno studio condotto su oltre 100 uomini e donne che la responsabilità di gestire una casa aumenta significativamente la pressione sanguigna. I fattori che più di tutti fanno impennare la pressione sono proprio le faccende domestiche, come cucinare, pulire e fare la spesa.

I risultati, pubblicati sulla rivista Psychosomatic Medicine, suggeriscono che non è tanto il carico di lavoro da svolgere il vero problema, ma è lo stress su come affrontarlo che causa il danno maggiore. Il pericolo delle faccende domestiche si annida anche tra i prodotti che si utilizzano per le pulizie. Alcuni sono stati associati allo sviluppo dell’asma.
Una ricerca spagnola ha rilevato che l’utilizzo di spray per pulire e di deodoranti per l’ambiente almeno una volta alla settimana potrebbe essere la causa di uno su 7 casi di asma in adulti. Lo studio, che è durato 9 anni, ha coinvolto più di 3.500 soggetti di 22 centri in 10 paesi europei diversi. Ebbene, il rischio di sviluppare l’asma è stato del 40 per cento più alto nelle persone esposte regolarmente agli spray per pulire la casa che nelle altre. Più si pulisce e più il pericolo aumenta.

Respirare in modo distratto

Chiedete a chiunque di fare un bel respiro profondo e quasi tutti gonfieranno a dismisura il proprio petto. Ma non c’è niente di più sbagliato, almeno secondo Neil Shah, psicoterapeuta e direttore della Stress Management Society.
Da bambini – ha detto – tutti abbiamo respirato dalle nostre pance, un tipo di respirazione che utilizza tutte le capacità polmonari. Ma quando si invecchia si torna allo stile più inefficiente di respirazione toracica. Questo significa che l’aria viziata indugia nel fondo dei nostri polmoni e, visto che i nostri polmoni hanno una capacità limitata, l’aria fresca non raggiunge mai la parte inferiore‘”. Ed è proprio la parte inferiore dei polmoni a contenere i vasi sanguigni più importanti per lo scambio di gas e ossigeno.
Fortunatamente è possibile addestrare il corpo a respirare correttamente. Per farlo bisogna provare a gonfiare lo stomaco quando si inspira, mantenendo il torace relativamente fermo. Poi si contraggono i muscoli addominali quando si espira. “La respirazione dev’essere ritmica e regolare, con 12- 30 respiri al minuto, e una breve pausa tra l’inspirazione e l’espirazione. Pochi minuti di pratica ogni giorno possono avere un grande effetto. Possono contribuire a combattere lo stress e a tenere bassa la pressione sanguigna”.

Rilassarsi dopo cena

E’ capitato a tutti noi di cenare velocemente per poi rilassarsi sul divano per un paio di ore prima di andare a letto. “Se sei inattivo la sera è più probabile che il corpo trasformi il cibo in grassi“, ha detto Claire MacEvilly, nutrizionista del laboratorio Human Nutrition Research alla Cambridge University. E’ invece consigliabile spostare l’assunzione di calorie al mattino, mangiando una colazione abbondante. In questo modo infatti si bruciano più calorie nel mentre si svolgono le normali attività quotidiane. Oppure si può fare una bella camminata veloce di 20 minuti dopo cena, ha raccomandato MacEvilly. In ogni caso il trucco per una dieta perfetta è fare tanti piccoli pasti regolari al giorno.

Tedeschi Giuseppina

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy