• Google+
  • Commenta
7 dicembre 2011

Sfiduciato il rettore Giovannini

Il 2011 sta per terminare ma per due delle università della Regione Calabria (Reggio e Catanzaro) questo periodo rappresenta un momemento di transizione accertato o in divenire.

Si parla inevitabilmente del passaggio di consegne che riguarda da vicino i suddetti atenei.

Dopo l’insediamento all’università “Magna Graecia” di Catanzaro del nuovo rettore Aldo Quattrone, nominato lo scorso mese di ottobre, questa volta di un possibile e quanto mai gradito ribaltone, se ne parla anche, con sempre più insistenza, all’università “Mediterranea” di Reggio Calabria.

In una lettera, diretta alla persona del rettore e sottoscritta dal Senato Accademico, dal CdA della “Mediterranea”, e da tre presidi di facoltà (Giurisprudenza, Ingegneria, Agraria, nelle persone di Attilio Gorassini, Adolfo Santini e Santo Marcello Zimbone) si evince la totale sfiducia nell’operato del prof Massimo Giovannini, al quale è stato chiesto per il bene primario della collettività universitaria e per restituire credibilità all’operato di suddetto ateneo, di rassegnare le dimissione dalla carica finora ricoperta.

Il malcontento nei riguardi dell’attuale rettore però, si sta diffondendo per i corridoi dell’ateneo di viale Diana a macchia d’olio.

Anche diverse associazioni studentesche, da anni operanti alla “Mediterranea” stanno cercando di accodarsi al folto plotone di dissenzienti verso l’operato di Giovannini.

Proprio per questo motivo riveste una grande importanza l’appuntamento del prossimo 20/21 dicembre quando, i due organi universitari più importanti (CdA e Senato Accademico) saranno chiamati a pronunciarsi circa l’approvazione
del previsionale 2012
.

In quella occasione il rettore si troverà quasi sicuramente a fronteggiare la quasi totale sfiducia di suddetti organi, potendo in via del tutto residuale contare su: 5 voti su 12 in Senato e 6 su14 per il CdA.

Il prof Enrico Costa, presidente del Corso di Laurea in Urbanistica accodandosi ai docenti firmatari del documento di sfiducia ha recentemente dichiarato: ” La persona del dott. Giovanni è dotata di un alto grado di sensibilità. Per questo auspico che in tempi brevi possa dimettersi dalla sua carica. Questo, credo sia un passo dovuto, anzitutto per restituire credibilità a tutto il complesso universitario della nostra città. Non dobbiamo limitarci ad incanalare il discorso soltanto facendo riferimento esclusivamente ai soli studenti.

La nostra università infatti è piena di persone dalle qualità morali e lavorative di sicuro spessore. Ed ora che con questo cambio di vertice, tutto questo possa essere evidenziato in tutta la sua positività. A maggior ragione che anche dal movimento politico nazionale, con il Governo Monti, sono previste incentivazioni economiche e riconoscimenti specifici alla “Mediterranea” che sono funzionali alla ricerca in modo tale da allargare l’offerta formativa che si andrà ad offrire agli studenti”

Marco Cristofaro

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy