• Google+
  • Commenta
16 dicembre 2011

Unisa, iscrizioni riaperte per il Master MPA

Il master di secondo livello in General management della Pubblica Amministrazione, indetto dal Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali dell’università di Salerno, è pronto a ripartire nel mese di febbraio.

Lo stage, che si affaccia alla sua settima edizione, vede la collaborazione dei dipartimenti di Scienze economiche e statistiche e Diritto Pubblico e Teoria e Storia delle Istituzioni.

L’iscrizione è come sempre a numero programmato. In seguito ad una fase di pre-immatricolazione al concorso per via informatica, andrà presentata una domanda di ammissione da consegnarsi entro e non oltre le 12 del 16 gennaio 2012.

Le prove concorsuali di selezione si svolgeranno invece il 23 ed il 24 gennaio e saranno valutate da un’apposita commissione, la quale provvederà poi alla compilazione una graduatoria. Del totale degli iscritti, in 40 saranno infine accettati.

Le immatricolazioni sono aperte a chiunque abbia conseguito una laurea quadriennale, quinquennale oppure specialistica in discipline economico/giuridiche, scienze ingegneristiche o politiche.

Un’eccezione è tuttavia prevista per coloro che, in possesso di titoli differenti, abbiano avuto modo di maturare delle esperienze in aziende pubbliche.

L’adesione al master non è solo consigliata ai giovani lavoratori già di per sè attivi nell’ambito della Pubblica Amministrazione, ma anche e soprattutto a studenti desiderosi di acquisire le competenze necessarie ad inserirsi nello stesso circuito.

Per il conseguimento dei 60 CFU indicati nel bando, sarà opportuna una frequenza pari a 1500 ore così distribuite: 500 di didattica (delle quali 300 di didattica frontale), 400 di stage, 200 di studio guidato a distanza, 600 di studio individuale e project work.

Il corso andrà innanzitutto a concentrare l’attenzione degli iscritti su alcuni fondamenti di governance, proponendo esempi che facciano riferimento a progetti già varati in modo da evidenziarne gli aspetti innovativi così come le problematiche.

Si passerà dunque ad una vera e propria analisi dei regolamenti e, di conseguenza, dei vincoli imposti dalla PA; dopo un ulteriore step dedicato alla concreta applicazione di determinate metodologie di analisi organizzativa, il master verrà concluso da un “modulo” concernente i finanziamenti delle attività ed i relativi investimenti.

Lo svolgimento delle “prove intermedie” del corso (nonché del colloquio finale) è assolutamente imprescindibile, ma non meno importante è la partecipazione ad almeno l’80% delle attività didattiche.

Il Master MPA rappresenta un percorso formativo all’avanguardia in grado di rispondere nella maniera migliore alle esigenze degli iscritti, curando in particolar modo gli aspetti più tecnici in merito al microcosmo della PA.

I promotori dell’iniziativa non sembrano nutrire dubbi sulla sua notevole utilità nella formazione di figure professionali in grado di ricoprire ruoli dirigenziali di rilievo in enti pubblici o in aziende fornitrici di servizi.

Francesco Ienco

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy