• Quarta
  • Cacciatore
  • Baietti
  • Pasquino
  • Algeri
  • Cocchi
  • Meoli
  • Casciello
  • De Leo
  • di Geso
  • Chelini
  • Bonetti
  • Boschetti
  • Ferrante
  • Alemanno
  • Leone
  • Grassotti
  • Gnudi
  • Valorzi
  • Ward
  • Santaniello
  • Rinaldi
  • Califano
  • Bruzzone
  • Tassone
  • Dalia
  • Gelisio
  • Falco
  • Coniglio
  • Andreotti
  • Catizone
  • Scorza
  • Bonanni
  • Liguori
  • Rossetto
  • Mazzone
  • Carfagna
  • Romano
  • Paleari
  • Barnaba
  • De Luca
  • Buzzatti
  • Napolitani
  • Miraglia
  • Crepet
  • Quaglia
  • Romano

UniSi: le parole di un maestro

7 Dicembre 2011
.
19/09/2021

Senato della Repubblica, Sala degli Atti Parlamentari 9 dicembre, ore 17 A tre mesi dalla scomparsa del professor Alberto Mario Cirese, avvenuta il 1° settembre scorso all'età di novanta anni, la figura del celebre antropologo verrà ricordata in un incontro, venerdì 9 dicembre, presso la Biblioteca Giovanni Spadolini del Senato della Repubblica a Roma.



Nell’occasione sarà proiettato il filmato realizzato a cura del Centro Televisivo Ars Videndi dell’Università di Siena “L’ultima lezione senese di Alberto Mario Cirese: Mezzadri e Musei”, tenuta il 6 maggio 2010 alla facoltà di Lettere e filosofia dell’Ateneo senese.

Interverranno Pietro Clemente, Alessandro Portelli, Riccardo Putti e Pier Giorgio Solinas.

Antropologo, studioso di folklore e tradizioni popolari, professore emerito dell’Università di Roma La Sapienza, maestro di generazioni di allievi, studiosi e ricercatori oggi attivi in molte università in Italia e all’estero, Cirese ebbe un ruolo di grande rilevanza nella costituzione della facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Siena: fece parte del comitato tecnico che definì l’impianto iniziale dei corsi di laurea e ne fu preside nei primi tre anni della sua storia ormai quarantennale.

I suoi libri più importanti (Cultura egemonica e culture subalterne, Ragioni metriche, Intellettuali, Folklore e istinto di classe, Oggetti, segni, musei) sono tuttora letti e studiati e continuano ad ispirare linee di ricerca tra le più produttive nell’antropologia italiana.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata