• Google+
  • Commenta
3 gennaio 2012

2012: all’Università di Cardiff si insegnerà la felicità!

La creazione di corsi universitari alquanto bizzarri non è del tutto una novità, ma pare che il professor Clive Wood dell’Università di Cardiff abbia avuto un’idea molto originale per il nuovo anno accademico: mandare i suoi studenti a lezione di felicità!

Ma è possibile insegnare ad essere felici? A questo spontaneo punto di domanda il dottor Wood, fondatore del progetto ha risposto cosi : “ La felicità massima dipenderebbe da un fattore genetico, proprio come accade per i tratti somatici. Tuttavia ognuno può avvicinarsi al benessere con semplici azioni quotidiane. Ad esempio,ricordare alla fine di ogni giornata tre cose che sono andate bene può avere effetti sulla propria felicità che durano per mesi.”

Del resto il progetto dell’ateneo gallese si impegnerà ad esaminare realtà molto importanti dipendenti dalla felicità,ovvero a capire come la mente influenzi la salute fisica e a come il lavoro e lo stress del cervello siano coinvolti nello sviluppo di malattie cardiache e tumorali.

Il nuovo corso di studi dovrebbe così insegnare ad assumere atteggiamenti positivi che migliorino la salute e che allunghino la vita . Fondamentalmente questo grande obiettivo può essere raggiunto a partire da poche semplici azioni: tenersi impegnati facendo ciò che più ci interessa dà un senso notevole alla vita e poi compiere azioni di volontariato entrando in contatto con nuove persone è il modo migliore per aumentare la propria felicità.

Insomma,bisogna mantenersi attivi, evitando la solitudine e rapporti freddi on-line. Di fatto è proprio da una ricerca sociale che parte l’idea del corso: si è constatato che troppe persone si basano sulle presunte amicizie Facebook, coltivando conversazioni e affetti poco soddisfacenti nascondendosi dietro allo schermo di un computer.

Sicuramente il corso attirerà molti curiosi studenti inglesi , e senz’altro aiuterà loro ad afferrare più facilmente qualche briciola di felicità !

Angela Leone

Google+
© Riproduzione Riservata