• Google+
  • Commenta
4 gennaio 2012

Finanziamenti

Due sono le fonti principali di finanziamento da tenere in considerazione nella gestione di un’impresa :

a) finanziamenti di capitale proprio

Si hanno quando lo stesso imprenditore o i soci apportano i mezzi necessari per la gestione, sia in denaro che in natura; ciò avviene sia all’inizio della vita dell’azienda (conferimenti iniziali), sia successivamente (apporti o conferimenti successivi).
Un’ulteriore forma di finanziamento di capitale proprio si ha quando l’imprenditore decide di non prelevare gli utili conseguiti con la gestione, ma preferisce lasciarli investiti nell’azienda stessa (autofinanziamento).
Per i finanziamenti di capitale proprio non si ha un vincolo di rimunerazione né di restituzione.

b) finanziamenti di capitale di terzi

Si tratta, in altri termini, di debiti, cioè di quei finanziamenti effettuati da terzi estranei alla ge-stione dell’impresa; tali finanziamenti devono essere restituiti alla scadenza e sono a titolo one-roso, cioè esiste l’obbligo di remunerarli pagando un determinato interesse.

A seconda del tipo di operazione che li fa sorgere si distinguono in :

– debiti di regolamento, che sorgono quando l’azienda acquista beni o servizi con dilazioni di pagamento (in pratica, sono gli stessi fornitori a finanziare l’azienda);

– debiti di finanziamento, cioè prestiti a favore dell’azienda effettuati da banche o altri enti fi-nanziari, per i quali è normalmente fissato un tasso di interesse esplicito.

A seconda della durata, cioè della loro data di restituzione, si distinguono invece :

– debiti a breve termine, con scadenza entro dodici mesi;
– debiti a medio termine, con scadenza oltre dodici mesi ma entro cinque anni;
– debiti a lungo termine, con scadenza oltre i cinque anni.

Si consideri infine che l’azienda, oltre a ricevere finanziamenti da terzi (banche, fornitori, etc.), può a sua volta concedere finanziamenti ad altre aziende, sia a titolo di capitale di rischio (par-tecipazioni), sia a titolo di capitale di credito (crediti di regolamento e crediti di finanziamento).

Google+
© Riproduzione Riservata