• Google+
  • Commenta
12 gennaio 2012

Fondo di Finanziamento: le F per risollevare le università campane

La Campania finalmente si risveglia.
Le giovani menti, i famosi cervelli in fuga, posino le valigie e restino in patria perché dopo molto tempo potranno vedere una Campania che cerca di camminare con le proprie gambe.

I primi segni di cambiamento risiedono nell’istituzione di un fondo di finanziamento per le università di cui in Italia la Campania è la prima a dotarsi, il cui scopo è sostenere le spese di funzionamento degli atenei senza che esse si trasformino in un ulteriore aumento delle tasse a carico degli studenti.

Le risorse, non vincolate, incentiveranno anche la ricerca e lo sviluppo nelle singole facoltà.

Il fondo apparentemente caduto dal cielo è stato istituito con la legge finanziaria approvata dal Consiglio a fine anno, insieme alla Rete Regionale per la Ricerca e dell’Innovazione, denominata Campania INHUB.

Quest’ultima è nata con l’obiettivo di favorire la sinergia tra il mondo delle imprese e quello della ricerca creando dei collegamenti funzionali, nel rispetto delle specializzazioni e competenze, tra tutti gli attori territoriali coinvolti, ed in particolar modo:

• produttori della conoscenza (università e centri di ricerca)

• produttori di valore (PMI e grandi imprese)

• mediatori dell’innovazione (Parchi scientifici e tecnologici, incubatori di imprese, uffici universitari di trasferimento tecnologico, strutture universitarie dotate di personalità giuridica autonoma e sistema camerale).

A descrivere entusiasta le novità inserite nella legge finanziaria è l’assessore all’Università ed alla Ricerca Scientifica (oltre che ex rettore della Federico II) Guido Trombetti:

“Diamo concretezza al Piano di Azione per la ricerca e l’innovazione che valorizza e potenzia il sistema universitario regionale”, piano che, ricordiamo, si pone obiettivi di promozione dell’innovazione e del trasferimento tecnologico, oltre che di sviluppo del capitale umano.

“Si tratta di un importante risultato al quale ha contribuito il confronto e la condivisione con le parti sociali.

“In particolare l’istituzione del fondo di finanziamento regionale delle università è un segnale politico di grande attenzione al sistema universitario campano ed apre una stagione fortemente innovativa nei rapporti tra la Regione Campania e le Università.

Poi prosegue spiegando che“la nascita di Campania INHUB, invece, per la prima volta ci permette di mettere a sistema tutti gli attori della ricerca in un’unica rete, ora normata, che sarà coordinata da Campania Innovazione, e che consentirà di standardizzare i servizi e semplificare le procedure in modo da presentarsi in modo univoco alle piccole e medie imprese nell’offerta di servizi”.

Ciò che noi studenti possiamo augurarci è che i fondi “arrivino a destinazione”, senza essere divorati da cattive amministrazioni che li rigetteranno (verso destinazioni a noi ignote) come cibo indigesto, facendoci sentire solo il rumore dello sciacquone in lontananza.

Insieme alla speranza però ci vuole l’impegno: monitorare, come dicono in Inghilterra, “as much as possible” una risorsa che ci spetta, una risorsa che è nostra senza scusanti, in virtù e in nome di una trasparenza che ormai, come appartenenti all’Unione Europea, dovrebbe essere il principio cardine laddove si muove del denaro che, in quanto tale, si sa, non deve mai essere considerato come “manna caduta dal cielo”.

Simona Esposito

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy