• Google+
  • Commenta
11 gennaio 2012

Il lato giusto del letto: a sinistra si dorme meglio.

E’ proprio vero che la qualità della vita di ogni persona, si misura anche dalla qualità del sonno che accompagna ogni nostra giornata.

I vari istanti in cui si suddivide ogni singolo giorno sono, infatti, preceduti dai dolci momenti del sonno.

Un periodo di durata medio – bassa (si calcola che ogni persona dedichi al sonno circa 7 ore della propria giornata) durante il quale nessuno vuole essere disturbato.

Ognuno di noi però ha un modo diverso di concepire queste ore di “calma piatta”; quasi a dimostrare la grande differenza che intercorre tra ogni individuo.

C’è infatti chi si addormenta davanti al televisore; chi preferisce appisolarsi su di un comodo divano ecc ecc.

Insomma tutti sono uguali e tutti sono diversi. Un dato questo che è una semplice ma anche bella realtà.

Ma, una differenza tanto semplice quanto bizzarra, ci viene portata da un’indagine condotta dalla catena di motel Premier Inn la quale ha dimostrato che si dorme meglio appoggiando la testa sul lato sinistro, piuttosto che su quello destro.

L’indagine è stata compiuta su di un totale di tremila persone.

Ebbene i risultati parlano chiaro: chi dorme sulla sinistra, riesce ad avere un’approccio migliore la mattina rispetto a coloro che scelgono posizioni diverse.

Ma non è tutto: il 25% di chi dorme a sinistra riesce ad avere questa attitudine positiva, contro il 18% di chi ronfa dall’altro lato.

Benefici che inevitabilmente si “estendono” per tutto il resto della giornata.

Sì perchè sempre da questa indagine, è stato appurato che per questa categoria di soggetti la giornata si presenta con più calma rispetto agli altri.

Calma che si riflette anche nelle situazioni di stress derivanti dal lavoro.

Ed è proprio sul lavoro che quest’indagine mostra qualcosa di veramente particolare: circa il 31% di persone “contagiate” da questa dolce abitudine, infatti, ama il proprio lavoro.

Ma se fino adesso tutti questi numeri sono appannaggio dei sinistrorsi, qualcosa di inevitabilmente negativo c’è: coloro che dormono sul lato destro, infatti, guadagnano di più rispetto ai propri vicini.

Una serie di abitudini che sono radicate nel modo di vivere delle persone.

“E’ vero” dice Claire Haigh, portavoce del committente della ricerca, Premier Inn ” che ogni persona ha un proprio modo per conciliarsi al sonno. Da questa ricerca, però è stato dimostrato che anche dalla qualità del sonno dipendono le fortune di ogni uomo. Approcciarsi in maniera positiva alle situazioni con le quali ognuno di noi quotidianamente è chiamato a confrontarsi, aumenta oltre la qualità della vita, anche il senso di autostima”.

Marco Cristofaro

Google+
© Riproduzione Riservata