• Google+
  • Commenta
18 gennaio 2012

Lo sciopero dei portieri

Risale al 13 Gennaio la minaccia di sciopero degli addetti alla portineria dei poli delle Scienze sociali e del Centro storico. La protesta avrebbe coinvolto a turno tutte le facoltà dell’ateneo fiorentino.

I fatti stanno così: gli ex enti responsabili della retribuzione – l’Esi Plus di Roma e la Sgs di Napoli – avevano“dimenticato” di pagare ai portinai dell’università il dovuto stipendio, tredicesima inclusa. La nuova società vincitrice dell’appalto provvederà agli stipendi del mese di febbraio, ma resta il dubbio su chi debba saldare gli stipendi precedenti. Tra dubbi e perplessità la realtà è che per oltre due mesi i lavoratori non hanno recepito alcun mensile e il malcontento si è trasformato – quasi – in azione.

Gli addetti alle portinerie avevano infatti minacciato di proclamare uno sciopero della durata provocatoria di un mese. Dal 13 gennaio al 15 febbraio gli studenti avrebbero potuto trovare il portone sbarrato fino a quando l’ateneo non si fosse incaricato, come da decreto ministeriale, di versare gli stipendi da novembre a gennaio.

Notizia delle ultime ore: lo sciopero è stato revocato, o per meglio dire, sospeso. Gli studenti e i docenti dei poli di Novoli e del centro storico possono dormire sonni tranquilli. Non può dire lo stesso dei 65 portinai interessati nella protesta. Non sappiamo se sia stato raggiunto un accordo o se la minaccia delle guardie giurate abbia sortito l’effetto sperato ma, come chiarisce il responsabile della RSA Tarchi: “…vorremmo sapere che fine faranno le paghe passate, sudate ma mai arrivate che ci spettano di diritto”.

Simona Pirro

Google+
© Riproduzione Riservata