• Google+
  • Commenta
14 febbraio 2012

Oncologia sperimentale dell’Università di Parma: ecco le donazioni dell’Associazione Davide Rodella

Oggi, martedì 14 febbraio, presso la Sala del Senato del Palazzo Centrale dell’Ateneo, si è tenuta la conferenza stampa relativa alle donazioni del valore di 60.000 euro che dal 2002 ad oggi l’Associazione Davide Rodella ha destinato al gruppo di ricerca del prof. Pier Giorgio Petronini, coordinatore della Sezione di Oncologia sperimentale dell’Università di Parma.

Alla conferenza sono intervenuti il Rettore prof. Gino Ferretti, il prof. Pier Giorgio Petronini, Coordinatore della Sezione di Oncologia sperimentale del Dipartimento di Medicina sperimentale, il dott. Andrea Ardizzoni, Direttore dell’Unità Operativa di Oncologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma e il dott. Antonio Rodella – fondatore, Vice Presidente dell’Associazione Davide Rodella e papà di Davide.

L’Associazione Davide Rodella Onlus promuove la formazione, lo sviluppo ed il sostenimento di iniziative in campo sociale, formativo, scolastico, medico scientifico e culturale in genere.
L’Associazione svolge una attività di beneficenza a favore di istituzioni pubbliche e private che operano in diversi settori della nostra società. Permane comunque una maggiore sensibilità ed attenzione per i soggetti che operano nel campo della sanità e della ricerca scientifica in genere.

Dal 1998 (anno di costituzione dell’Associazione), sono state istituite 14 borse di studio “Francesco Rodella”; tra queste, nel 2002 è stata assegnata al progetto “Espressione del gene FHIT in cellule di carcinoma polmonare” della dott.ssa Maricla Galetti una borsa di studio per lo svolgimento di attività di ricerca nella Sezione di Oncologia sperimentale sotto la guida del prof. Pier Giorgio Petronini, professore ordinario di Patologia generale e Coordinatore della Sezione.

Oltre alla borsa di studio, tra il 2005 e l’anno corrente sono stati destinati da parte dell’Associazione alla Sezione di Oncologia sperimentale altri finanziamenti per un importo complessivo di 60.000 euro.

Le donazioni da parte dell’Associazione hanno l’obiettivo di sostenere progetti di ricerca finalizzati all’ottimizzazione di nuove terapie per il trattamento dei tumori polmonari.
In particolare, si vogliono identificare e validare nuove strategie per predire la risposta ai nuovi trattamenti terapeutici e per superare i meccanismi di resistenza, con lo scopo di rendere sempre più personalizzata ed efficace la terapia antineoplastica.
Le ricerche condotte fino a oggi possono essere considerata traslazionali, in quanto i risultati ottenuti in laboratorio potranno essere trasferiti alla pratica clinica. In questo contesto è importante sottolineare la collaborazione in atto da anni con l’Unità di Oncologia medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, diretta dal dott. Andrea Ardizzoni.

Google+
© Riproduzione Riservata