• Google+
  • Commenta
22 aprile 2012

Accordo tra L’Asti Volley e il mondo universitario astigiano

E’ stato siglato nella giornata di venerdi 20 aprile, presso il polo universitario di Asti, un accordo di collaborazione tra il polo universitario Asti Studi Superiori, il centro ricerche per lo sviluppo sociale dell’Università del Piemonte Orientale, la Scuola di Scienze Motorie dell’Università di Torino, ed i dirigenti dell’Asti Volley (campionato femminile di pallavolo B1).

In occasione della decima edizione di “Porte Aperte all’Università di Asti” e della “Festa dello Sport Universitario”, manifestazione giunta ormai al suo terzo appuntamento, le parti hanno visto nascere una comune visione sulle problematiche riguardanti lo sport, la cultura e la promozione della salute nella provincia di Asti, argomenti su cui verteranno gli obiettivi prefissati dall’accordo.

La Biblioteca Universitaria ha ospitato una conferenza a cui hanno preso parte il presidente di Uni Astiss, Michele Maggiora, il vice presidente Piero Mora, il professor Enrico Ercole (Sviluppo locale) la presidente della Suism, la professoressa Maria Giuseppina Robecchi, il responsabile Suism di Asti, il professor Gianni Musella, i referenti Asti Volley, Gianpaolo Luisi e Marco Morra, gli assessori Imerito, Cardona, Martinetto, ed il dirigente del Csa di Asti, il professor Alessandro Militerno.

Hanno partecipato alla conferenza anche Riccardo D’Elicio, presidente del Cus Torino, e le ragazze della squadra dell’Asti Volley.

Entusiasti del progetto Piero Mora, Assessore all’Università del Comune di Asti e vice presidente del Consorzio Asti Studi Superiori, e Marco Morra, presente alla conferenza in rappresentanza dell’Asti Volley.

Morra crede molto sull’importanza sociale dell’accordo che potrà dare i frutti sperati solamente se tutti gli attori coinvolti daranno il loro contributo unendo le proprie forze. Grazie alla passione sportiva identificata nella città di Asti, a beneficiare dei risultati sportivi sarà l’intero territorio.

Numerose le iniziative previste come l’accoglienza di dieci tifosi avversari che, in occasione di ogni partita casalinga, potranno assaggiare prodotti gastronomici locali presso un agriturismo.

Giovanni Musella, responsabile del corso astigiano in Scienze Motorie e Sportive aggiunge che per gli studenti ci sarà la possibilità di integrare il proprio percorso di studi con l’esperienza del tirocinio in una importante realtà sportiva come l’Asti Volley.

Google+
© Riproduzione Riservata