• Google+
  • Commenta
1 aprile 2012

Open-week al Bicocca: prima si prova e poi si sceglie

L’Università di Milano-Bicocca offre un servizio ai ragazzi del quarto e quinto anno di scuola superiore, propensi alla preparazione alla scelta del percorso di studi post-diploma. Per aiutare gli studenti, l’Ateneo li farà vivere in anticipo per alcuni giorni da matricole, frequentando lezioni e laboratori, incontrando orientatori e docenti, assaggiando la vita universitaria “dal vivo”.

Gli Open week si articoleranno in uno o più giorni, secondo un dettagliato calendario in cui l’Ateneo apre le aule alle future matricole per far trascorrere una simulazione della vita universitaria. Si comincerà a marzo, con le giornate dedicate alle Professioni Sanitarie, a seguire poi nei mesi successivi con gli altri corsi, fino a luglio.

L’iniziativa rappresenta un’ulteriore opportunità rispetto ai tradizionali “Open Day”, e nasce proprio con l’obiettivo di favorire nei ragazzi e aiutarli in una maggiore consapevolezza di fronte alla scelta del corso di laurea, che condizionerà il loro futuro.

Oltre alla presentazione dei corsi, infatti, durante gli Open Week le future matricole potranno assistere a lezioni pensate appositamente per loro e accedere ai laboratori, farsi un’idea di come ci si muove in Ateneo, come è organizzata la vita degli studenti, quali sono i corsi più adatti alle proprie caratteristiche. Le lezioni sono esemplificative e significative del percorso didattico a cui si riferiscono, lasciando ampio spazio di discussione e interazione con i docenti delle singole materie. Ciascuna facoltà, a seconda delle specificità che la caratterizzano, offre programmi ad hoc o “prove” sul campo.

La Facoltà di Medicina e Chirurgia, che prevede Open Week per i corsi di laurea in Igiene dentale (15 e 29 maggio, massimo 40 studenti), Tecnica della mano e psicomotricità evolutiva (9 maggio, massimo 20 studenti), Infermieristica (prima fase il 17 aprile per massimo 32 studenti e poi incontri a gruppi di 4), prevede simulazioni di lezioni teoriche, osservazione e, in alcuni casi, anche esercitazioni pratiche che fanno “entrare” nel vivo della futura professione.

La Facoltà di Sociologia, che accoglie gli studenti delle scuole dall’ 11 al 15 giugno, in gruppi di massimo 40 persone, prevede incontri in aula con docenti di varie discipline. Attraverso lezioni e dialogo, i professori presenteranno ai ragazzi alcuni tra i temi e le problematiche sociali che costituiscono campo di indagine del sociologo.

La Facoltà di Scienze Statistiche apre alle matricole in prova dall’11 al 15 giugno, con il programma “Statistic in progress”: agli studenti viene offerto, in cinque lezioni mattutine, un assaggio concreto dei loro futuri studi e delle possibili applicazioni nel mondo del lavoro. I docenti affronteranno i temi di: campi di indagine e metodi e  fondamenti nelle indagini, fattori quali incertezza, probabilità, scelta, di applicazione degli strumenti in ambiti quali la demografia, l’economia, lo studio della salute dell’uomo.

La Facoltà di Psicologia incontra massimo 200 studenti in un’unica giornata full time, il 12 giugno, sul tema: “Voglio fare psicologia: le discipline viste da vicino”. L’obiettivo è illustrare in maniera più completa, rispetto ai pregiudizi che hanno di solito i ragazzi, l’orizzonte di studio e di azione della Psicologia nonché i diversi sbocchi professionali, che non consistono nella “classica” figura dello psicologo.

La Facoltà di Giurisprudenza, il 14 giugno (per un massimo di 200 partecipanti), con l’incontro “… E se facessi Giurisprudenza?” si propone di rispondere a quanti sono ancora incerti sul percorso formativo da intraprendere, offrendo l’occasione per conoscere da vicino il mondo del diritto. I docenti delle varie discipline dialogheranno e si confronteranno con gli studenti su specifici temi giuridici, sui cambiamenti in atto nell’ambito delle tradizionali professionali forensi e sulle prospettive lavorative.

La Facoltà di Scienze della Formazione dedica all’Open Week tre giorni, dal 9 all’11 luglio, per spiegare agli studenti (massimo 300) che cosa si insegna nelle sue aule e come: “Imparare a… insegnare, educare, comunicare”.

Loredana Garlati, delegata del Rettore per l’orientamento, spiega: «All’Open Day di Ateneo e a quelli generali di Facoltà organizzati nei mesi scorsi abbiamo verificato un forte interesse da parte dei ragazzi per un’esperienza che li mettesse a contatto diretto con il loro futuro. Per scegliere consapevolmente, hanno bisogno di commisurare i loro desideri, interessi, competenze e aspettative con la realtà. Così ci siamo messi al lavoro. Gli Open Week sono la risposta: programmi articolati che consentono ai ragazzi di “entrare” in università per più giorni, come fossero già matricole, per attingere non solo informazioni ma contenuti, lezioni sulle future materie di studio, e avere la possibilità di confrontarsi con i docenti e di ottenere chiarimenti e approfondimenti sugli sbocchi professionali».

Per ogni Open Week è previsto un numero massimo di partecipanti ed è quindi indispensabile iscriversi, inviando una mail a: prenotazioni.openweek@unimib.it, specificando quindi l’open week di interesse e l’istituto di provenienza.

Gli ammessi riceveranno una mail di conferma. Agli studenti che parteciperanno verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Per ulteriori informazioni: Ufficio Orientamento, tel 02 6448 6118 , e-mail: orientamento@unimib.it

Google+
© Riproduzione Riservata