• Google+
  • Commenta
1 Maggio 2012

Accordo tra Giurisprudenza e Arcidiocesi di Taranto

Taranto – Il Preside della facoltà di Giurisprudenza di Bari con sede a Taranto, ha sottoscritto una Convenzione tra la facoltà e la curia affermando “Un’occasione particolarmente significativa e di forte integrazione tra la Facoltà di Giurisprudenza e l’Arcidiocesi”.
Oltre al Preside Uricchio e a un professore associato alla facoltà di Giurisprudenza erano presenti anche l’Assessore di Taranto, l’arcivescovo di Taranto Mons. Luigi Santoro, Don Francesco Castelli, sacerdote diocesano di Taranto nonché docente di storia.
La sottoscrizione ha un duplice aspetto:integrazione culturale e scientifica e ha la possibilità di avviare nuovi tirocini all’interno della Curia tarantina.
Ci sarebbero tre istituti culturali messi a disposizione per gli studenti di Taranto che potrebbero svolgere il loro tirocinio. Questi istituti sono l’Archivio Storio e Diocesano, la Biblioteca Arcivescovile e il Museo di arte sacra Diocesano.

Durante l’evento Mons.Santoro ha eslicato un messaggio molto chiaro “ Vorrei offrire un contributo di speranza, di valorizzare tutto ciò che di positivo esiste a Taranto. Il contributo di speranza si trova nelle persone e nelle istituzioni. L’Università è una di queste istituzioni che raccoglie la storia e la ricchezza del passato e guarda al futuro. Io ho già detto durante il Venerdì Santo che non posso risolvere tutti i problemi ma se si è uniti allora lo possiamo fare. Ed oggi si unisce Diocesi ed Università”.
Santoro ha poi concluso dicendo “ Come diceva Aristotele ‘amicus Plato, sed magis amica veritas’. Una ricerca che rende le persone capaci di dialogare con gli altri perché questo permette di farci carico dei problemi degli altri. Questo vale anche per la questione dell’ambiente e dell’occupazione. Il nostro cuore ha bisogno del pane, dell’occupazione ma ha anche bisogno dell’amore e del significato per vivere”.

Gli studenti tarantini ora avranno più possibilità di avere fonti di ricerca anche perché come ha spiegato Don Castelli sono luoghi che contengono una quantità infinita di documenti e che consentono una ricostruzione di Taranto sotto ogni punto di vista, dal punto di vista storico, culturale, religioso e giuridico.

Google+
© Riproduzione Riservata