• Google+
  • Commenta
10 Maggio 2012

Benedetto XVI: “Senza amore anche la scienza perde la sua nobiltà”

Roma, 3 Maggio 2012. Benedetto XVI in visita alla sede romana dell’Università Cattolica, per i 50 anni della Facoltà di Medicina e Chirurgia, parla ai giovani: – “Senza amore, anche la scienza perde la sua nobiltà.”

Questo il messaggio del Papa per i giovani studenti della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica di Roma.

Accolto dal cardinale vicario Agostino Vallini e dal ministro dei beni culturali Lorenzo Ornaghi, rettore della Cattolica, il Papa è atterrato all’eliporto del Policlinico Gemelli.

Il suo è un messaggio, ancor una volta, d’amore per quello in cui si crede poichè anche la scienza, matematica e razionale deve essere supportare dall’amore e dalla passione di ciò in cui si crede e per ciò che si fa.

La ricerca è illuminata da scienza e fede, e da queste due ali trae impulso e slancio, senza mai perdere la giusta umiltà e il senso del proprio limite. Dio diviene fecondatore di intelligenza, fermento di cultura, promotrice di vero umanesimo, ricerca che non si arresta alla superficie.

Queste le parole del Papa per sostenere tutti i giovani studenti della Cattolica e per far comprendere il vero senso della vita che non è un camice bianco, ma ciò che vi è dentro, studio, sacrificio ma soprattutto cuore e anima.

Gli studenti hanno apprezzato le parole del Papa con commozione, forse ricordando il vero motivo che li ha spinti ad una scelta di vita molto importante.

L’amore resta l’unica forza in grado di farci fare grandi cose per noi e soprattutto per gli altri.

Google+
© Riproduzione Riservata