• Google+
  • Commenta
29 novembre 2012

God save the…hospital

Concorso per infermieri

In Inghilterra mancano gli infermieri in hospital

Infermieri Hospital

Infermieri Hospital

A Londra scarseggiano gli infermieri da inserire nelle varie strutture pubbliche ed hanno deciso di venirli a scovare in Italia.

Precisamente a Milano, nell’Università Bicocca, in occasione del Career Day del 29 novembre, giornata dedicata all’incontro tra le aziende e gli studenti per stabilire un ponte tra università e mondo del lavoro.

In tale data infatti, giungeranno i responsabili delle risorse umane della HCL Nursing, agenzia di reclutamento del personale sanitario leader in Inghilterra, con lo scopo di trovare giovani da inserire negli ospedali pubblici del Regno Unito, dove pare gli infermieri scarseggino. L’agenzia recluterà sia studenti che laureati, con esperienze che andranno dal breve periodo, per coloro che devono ancora completare il ciclo di studi, ad esperienze lavorative più strutturate per coloro che hanno già in tasca il diploma di laurea.

Lo stipendio base partirà da 300 sterline a settimana per i primi ventuno giorni, poi andrà progressivamente a salire. Naturalmente la conoscenza dell’inglese rappresenta un’importante requisito per accedere alla selezione, sebbene verranno effettuati specifici corsi di formazione.

Non è ancora stato specificato il numero dei posti disponibili, ma l’impressione che hanno  dall’ateneo milanese è quella che la HCL ne voglia reclutare il maggior numero possibile, visto che l’agenzia inglese sta monitorando altri Paesi europei per completare la ricerca.

Orgoglio e preoccupazione si percepiscono dalle parole di Giovanni Muttillo, presidente dell’Ipasvi, la Federazione dei collegi degli infermieri di Milano e Lodi, apparse sull’edizione on line di Repubblica: «Per noi gli scambi internazionali di lavoro sono un’opportunità e un valore aggiunto. Però è un segnale che deve farci riflettere. Il nostro territorio ha sempre ricercato queste figure professionali, oggi invece i nostri studenti sono costretti a emigrare. E non perché non ci sia bisogno di loro, ma perché arrivano sempre più tagli alle risorse economiche, in ambito sia nazionale sia regionale».

Per tutti coloro che volessero prendere spunto da questa notizia e costruire il proprio futuro in terra inglese, vi sono numerose opportunità professionali nel settore infermieristico.

Google+
© Riproduzione Riservata