• Google+
  • Commenta
21 maggio 2013

Biodiversità.Giornata Mondiale della Biodiversità all’Unife

Università degli Studi di FERRARA – Giornata Mondiale della Biodiversità

Il 22 maggio Unife e il Museo di Storia Naturale la celebrano parlando di organismi biodiversi in Pianura Padana e nel Corno d’Africa

Domani, mercoledì 22 maggio, l’Università di Ferrara e il Museo di Storia Naturale celebrano insieme la Giornata Mondiale della Biodiversità, proclamata nel 2000 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per celebrare l’adozione della Convenzione sulla Diversità Biologica e nel 2013 dedicata al tema della diversità biologica e l’acqua.

E lo fanno con un’iniziativa congiunta dedicata alla scoperta e allo studio di organismi che hanno evoluto particolari adattamenti in due importanti hot spot di biodiversità: la Pianura Padana e il Corno d’Africa.

Mercoledì 22 maggio alle ore 16 al Museo di Storia Naturale, (via Filippo De Pisis, 24), Carla Corazza, Ricercatrice della Stazione di Ecologia del Museo, parlerà di Acque agitate. La fauna esotica e quella protetta negli ecosistemi acquatici della Pianura Padana. Alle ore 21 sarà Stefano Mazzotti, Direttore del Museo di Storia Naturale, ad intrattenere il pubblico sul tema Africa biodiversa. Esplorazioni e scoperte della biodiversità nel Corno d’Africa. Cristiano Bertolucci, Ricercatore del Dipartimento di Scienze della vita e biotecnologie di Unife parlerà di Evoluzione al buio. La vita nelle acque sotterranee del deserto della Somalia.

“Il termine biodiversità – spiegano Bertolucci e Mazzottiabbraccia l’insieme delle forme viventi geneticamente diverse e degli ecosistemi ad esse correlati. Tra gli ambienti della Terra meno esplorati esistono le acque sotterranee, habitat che ospitano quasi tutti i principali gruppi animali e molte specie relitte i cui parenti in superficie si sono estinti. Molte sono endemiche, limitate a piccole aree o spesso singoli siti. Risulta affascinante come gli animali si siano adattati a vivere in questi ambienti estremi modificando strutture, fisiologia e comportamento. Il corno d’Africa non fa eccezione e i primi esploratori italiani rinvennero molte specie animali nelle acque della falda presente sotto al deserto somalo. Fra queste diverse specie di pesci che hanno sempre riscontrato l’interesse della comunità scientifica”.

“Da alcuni anni a Ferrara – afferma Bertolucci stiamo studiando un pesce ipogeo endemico della Somalia che si è adattato a vivere gli ultimi 2 milioni di anni in condizioni estreme di buio assoluto”.

L’iniziativa è a ingresso gratuito.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy