• Google+
  • Commenta
7 settembre 2013

Polito. Attrito, usura e lubrificazione: Congress 2013 Polito e Unipi

Politecnico di TORINO – Torino Capitale Mondiale della Tribologia con il V World Tribology Congress 2013

Polito e Unipi organizzano il congresso più importante al mondo nel settore della tribologia, riunendo per una settimana oltre 1.300 partecipanti tra ricercatori, aziende e investitori del panorama internazionale Paolo Giubellino, capoprogetto dellíesperimento Alice sull’acceleratore di particelle LHC del CERN di Ginevra, sarà l’ospite díeccezione della sessione plenaria del Congresso Apertura del Congresso lunedì 9 settembre 2013, ore 9.00 Palaolimpico Isozaki, C.so Sebastopoli/123 – Torino Torino, 4 settembre 2013 –

Probabilmente non ne siamo consapevoli, ma quotidianamente ognuno di noi compie una serie di azioni che hanno a che fare con la tribologia, come una semplice camminata, mangiare, sciare o pettinarsi. Tanti sono gli ambiti e le applicazioni della tribologia nei più vari aspetti della vita di tutti i giorni: uníautomobile, una lavatrice, un computer e, in generale, qualsiasi tipo di macchina, contengono un alto numero di elementi a contatto e in movimento tra loro, soggetti ad attrito e usura. » evidente quindi come la ricerca e le innovazioni in questo settore possano portare grandi vantaggi sia in termini economici (un risparmio e energetico e dei materiali) sia di salute (sviluppo di valvole cardiache o protesi dentali, articolazioni artificiali).

Il V World Tribology Congress Polito e Unipi sarà l’occasione imperdibile per ascoltare direttamente líintervento trasversale di Paolo Giubellino previsto per le ore 10.00, capoprogetto dellíesperimento Alice sullíacceleratore di particelle LHC del CERN di Ginevra e ospite di spicco di questa edizione del WTC, e in particolare per discutere dei più recenti progressi della ricerca e per rafforzare il legame tra studi accademici e mondo produttivo. Ben 1.300 partecipanti per oltre 900 interventi scientifici si susseguiranno in questa sei giorni per un confronto tra le più importanti esperienze e le numerose applicazioni della tribologia anche nei più piccoli aspetti della vita di ogni giorno. La tribologia è dunque un settore scientifico interdisciplinare la cui sfera díinteresse comprende ogni problema legato allíattrito, allíusura e alla lubrificazione; e coinvolge una vasta gamma di discipline, dalla fisica alla chimica, dallíingegneria meccanica a quella energetica, e ancora la metallurgia, líeconomia, líecologia.

Un Congresso Polito e Unipi di alto profilo e prestigio nel panorama scientifico internazionale organizzato dall’associazione Italiana di Tribologia (AIT) e dietro la regia del Polito e Unipi, che sarà l’appuntamento principe per unire ricerca, innovazione e settore produttivo. Il Congresso mondiale di tribologia si tiene ogni quattro anni, ed è ospitato di norma in città che sono o sono state capitali di stato; líAssociazione Italiana di Tribologia ha presentato ufficialmente la sua candidatura nel 2007, e nel settembre 2009 líInternational Tribology Council ha assegnato al nostro Paese líorganizzazione del V Congresso mondiale, dopo le edizioni di Londra, Vienna, Washington e Kyoto. Il Politecnico di Torino testimonia la lunga tradizione di competenze nel settore della tribologia, come afferma Terenziano Raparelli, presidente del comitato organizzatore del V Congresso Mondiale di Tribologia e professore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale dellíAteneo torinese: ìIl Politecnico di Torino da anni svolge attività di ricerca teorica e applicata nel campo dellíattrito, dellíusura e della lubrificazione, con approccio di tipo teorico e sperimentale. Le attività spaziano tra quelle volte a meglio comprendere i fenomeni fisico-chimici di base e quelle pi˘ strettamente applicative.

Gli studi riguardano tutta la componentistica meccanica, con particolare riguardo al settore autoveicolistico, ferroviario ed energetico. Studi approfonditi vengono inoltre condotti nel settore dei lubrificanti e dei nuovi materiali. Aspetti particolari riguardano lo studio dei supporti a gas e le applicazioni biomediche. Anche l’Università di Pisa vanta una lunga tradizione nel campo della tribologia, come afferma Enrico Ciulli, presidente dell’AIT e del comitato scientifico del Congresso, professore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale dell’Università di Pisa: Gli studi nel campo della tribologia all’Università di Pisa iniziano negli anni venti del ‘900 (anche se a quell’epoca la parola tribologia non era ancora stata coniata) con un’attrezzatura sperimentale per misurare l’attrito progettata dal prof. Enrico Pistolesi. A partire dagli anni sessanta il prof. Roberto Bassani ha iniziato studi di lubrificazione, attrito ed usura che continuano ancora oggi all’università di Pisa, dove anche si tengono corsi di tribologia a partire dagli anni ottanta. Il prof. Bassani è stato insignito nel 2006 della medaglia d’oro della tribologia, la massima onorificenza internazionale del settore, ed Ë stato artefice e primo presidente dell’AIT che riunisce interessati alla tribologia sia del mondo universitario e sia di quello industrialeî.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy