• Google+
  • Commenta
5 settembre 2013

Unibo. Da una ricerca dell’Unibo: il segreto della colorazione delle pesche in un gene

Università di BOLOGNA – Pesche gialle o pesche bianche? Il segreto è racchiuso in un gene

Pesche

Pesche

La colorazione della polpa delle pesche dipende da un singolo gene che controlla l’enzima responsabile della degradazione dei carotenoidi, una classe di pigmenti organici. La scoperta arriva da un gruppo di ricerca italiano legato a Unibo

Pesche a polpa gialla o a polpa bianca? E’ un singolo gene a controllarne il colore. La scoperta arriva da gruppo di ricercatori di tre diversi istituti di ricerca italiani: il Dipartimento di Scienze Agrarie Unibo, l’Unità di Ricerca per la Frutticoltura del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura di Forlì e il Centro di Ricerca Trisaia dell’ENEA di Rotondella (MT).

Il colore della polpa delle pesche è una delle caratteristiche principali che determinano la scelta dei consumatori: molti sono attratti dalle pesche gialle, altri esprimono una preferenza per i frutti bianchi, soprattutto per l’intenso aroma che li contraddistingue. Data l’importanza del carattere, prima negli Stati Uniti e poi anche in altri paesi, è stato intrapreso un intenso lavoro di miglioramento genetico. Nel corso del tempo il colore della polpa delle pesche ha subito una interessante evoluzione: dalle più antiche pesche bianche si sono originate, grazie a mutazioni, delle varietà a polpa gialla, ma sono note anche delle variazioni spontanee di ritorno dal giallo al bianco.

La ricerce Unibo: dal punto di vista biochimico, era già stata descritta una dipendenza diretta fra colore della polpa e contenuto in carotenoidi (una classe di pigmenti organici),  ma questo studio del gruppo di ricerca – pubblicato sulla rivista scientifica Plant Molecular Biology Reporter – ha chiarito il controllo esercitato da un singolo gene nella manifestazione del carattere. Il gene è responsabile della codifica dell’enzima CCD4 (carotenoid cleavage dioxygenase) che ha la capacità di degradare i carotenoidi. È questa degradazione che determina la variazione di colore della polpa e anche lo sviluppo di composti (gli apocarotenoidi) che sono noti come i principali responsabili dell’aroma delle pesche bianche. Nelle piante analizzate (oltre cento varietà) sono state identificate quattro varianti diverse del gene ma una sola di queste (denominata ‘W’) è capace di degradare i carotenoidi e conferire la colorazione bianca. Le piante che hanno frutti gialli, invece, hanno questo gene in una forma non più attiva (le altre tre varianti denominate y1, y2 ed y3).

La scoperta di Unibo può portare a importanti ricadute pratiche per tutti coloro che operano nel settore del miglioramento genetico e nella selezione di nuove varietà di pesco. Grazie agli strumenti di analisi del DNA messi a punto, sarà infatti possibile selezionare precocemente le piante sulla base del colore della polpa senza dover attendere il tempo necessario per la loro messa a frutto (generalmente 3-4 anni) con notevoli vantaggi in termini di spazio e di costi.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy