• Google+
  • Commenta
25 ottobre 2013

S.Anna di Pisa. Mille studenti all’anno per i corsi di lingua cinese

Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento S.Anna di PISA – La Toscana e il Paese del Dragone uniti in nome della lingua e della cultura: il 25 ottobre i festeggiamenti al S.Anna di Pisa e dal 26 l’Istituto di Pisa inaugura la “sua” classe al liceo “Machiavelli” di Firenze

Studenti Scuola Superiore Sant’Anna

Studenti Scuola Superiore Sant’Anna

Cinque anni di “Confucio” e mille studenti all’anno per i corsi di lingua cinese al S.Anna di Pisa. Il Direttore Nicola Bellini: “Nel mondo globale ‘non basta più l’inglese’ per capirsi”

L’Istituto Confucio della Scuola Superiore S.Anna di Pisa, nato nel 2008 da un accordo di collaborazione con l’Università di Chongqing per promuovere la lingua e la cultura cinese, divide fra Pisa e Firenze le celebrazioni per il suo quinto compleanno: il 25 ottobre nella città della torre pendente e il 26 ottobre nel capoluogo toscano, dove è prevista l’inaugurazione della prima e unica “classe Confucio” (“Confucius Classroom”) in regione, ospitata dal liceo “Machiavelli” e dove gli studenti completeranno lo studio della lingua e della cultura con la possibilità, per trenta di loro, di partecipare al soggiorno di due settimane presso l’università di Chongqing.

Sul fronte della didattica, l’attività dell’Istituto Confucio della Scuola Superiore S.Anna di Pisa, presentata durante la giornata di festeggiamenti, è stata caratterizzata da un continuo incremento fino a raggiungere i mille studenti all’anno che frequentano i corsi di lingua cinese fra quelli aperti al pubblico o promossi in scuole e università. Dal 2009 lo studio della lingua cinese è arrivato anche nelle scuole superiori, iniziando una sperimentazione (poi rivelatasi di grande successo, al punto da continuare ancora) al liceo scientifico “Dini” di Pisa e, successivamente, in altriquattro istituti superiori toscani: il tecnico commerciale “Pacinotti” di Pisa, il liceo “Montale” di Pontedera, il tecnico per il turismo “Marco Polo” a Firenze e il liceo “Machiavelli” sempre a Firenze, dove sta per essere inaugurata la “Classe Confucio”. Sul fronte universitario, l’Istituto Confucio di Pisa organizza corsi per gli allievi della Scuola Superiore S.Anna di Pisa, della Scuola Normale Superiore, dell’Università di Pisa, del Polo universitario sistemi logistici di Livorno. Sempre sul versante universitario, all’Università di Pisa si sono attivati il corso di Storia della Cina presso il Dipartimento di Storia e il corso di Storia della Cina moderna e contemporanea nell’ambito della Laurea magistrale in Storia e civiltà. Sulle ragioni di questo crescente interesse per lo studio della lingua cinese e sul successo dei corsi nelle scuole medie e nelle università il Direttore dell’Istituto Confucio di Pisa, Nicola Bellini, sottolinea come “in cinque anni è cambiato molto nella percezione che, soprattutto le giovani generazioni, hanno della Cina, vista sempre più come opportunità di crescita professionale e personale. La conoscenza della lingua è un passaggio obbligato. Viene meno la presunzione che, in un mondo globale, per comprendersi ‘basti l’inglese’. E questo è per tutti un segnale positivo”.

Per celebrare i cinque anni dell’Istituto Confucio sono stati organizzati tre appuntamenti a Pisa per venerdì 25 ottobre. Il primo alle ore 10.30 aula magna della Scuola Superiore S.Anna di Pisa e con la tavola rotonda per gli addetti ai lavori sulle prospettive e sulle sfide della diffusione della cultura cinese nel mondo, intitolata “Chinese culture and the world today: achievements, aspirations and future challenges”. Per le ore 15.00(ancora in aula magna) è stata prevista la parte istituzionale, per ripercorrere le tappe significative che hanno segnato l’attività dell’Istituto Confucio e lo sviluppo delle relazioni tra la Scuola superiore S.Anna di Pisa e, più in generale, di Pisa e della Toscana con la Cina. Per la Scuola Superiore S.Anna di Pisainterverranno, facendo gli onori di casa, il rettore Pierdomenico Perata; il delegato alle relazioni internazionali Pietro Tonutti; il direttore dell’Istituto di Management Marco Frey. E’ prevista la partecipazione di  Alessandra Guidi, delegato per le Relazioni internazionali dell’Università di Pisa; di Meng Weidong, vice presidente dell’Università di Chongqing; di Maria Luisa Chiofalo, assessore alle politiche socio-educative e scolastiche del Comune di Pisa; di Giovanna Colombini, membro del Consiglio di presidenza della Corte dei conti; di Paola Fasano, preside del “Machiavelli” di Firenze. Alle ore 18.00 gran finale con il concerto di musica classica cinese presso la chiesa di Sant’Anna, in via Carducci a Pisa.

Sabato 26 ottobre i festeggiamenti si trasferiscono a Firenze, in particolare al liceo “Machiavelli” (piazza Frescobaldi 1, presso la sala degli affreschi)  dove alle ore 11.30 si aprirà la “Classe Confucio”, l’unica in Toscana che si aggiunge alle altre otto distribuite in Italia.

Google+
© Riproduzione Riservata