• Google+
  • Commenta
25 ottobre 2013

Università di Bologna. Laurea Ad Honorem Aung San Suu Kyi all’Alma Mater Studiorum

Università di Bologna – L 30 ottobre Aung San Suu Kyi a Bologna. Ritirera’ la cittadinanza onoraria in comune e le verrà. Consegnata la laurea ad honorem all’Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Mercoledì la leader birmana, Premio Nobel per la Pace nel 1991, sarà sotto le due Torri per ricevere la cittadinanza onoraria del Comune di Bologna conferitale nel 2008 e il riconoscimento che l’Università di Bologna le ha attribuito nel 2000.

L’evento sarà visibile via streaming e presso l’Auditorium Biagi in Sala Borsa e presso la sala dello Stabat Mater all’Archiginnasio dell’Università di Bologna.

Mancano cinque giorni all’arrivo sotto le due Torri di Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la Pace, che riceverà dal Sindaco Virginio Merola la cittadinanza onoraria della città di Bologna conferitale nel 2008 e dal Rettore dell’Alma Mater la laurea ad honorem in Filosofia conferitale nel 2000 dall’Università di Bologna.

La comunità cittadina e accademica si appresta ad accogliere questa protagonista morale e politica dei nostri tempi con uno spirito di grande responsabilità e gioia, consapevole del grande dono che le viene fatto.

Mercoledì 30 ottobre, alle 9.30, l’“orchidea d’acciaio” sarà in Consiglio comunale, riunito in seduta straordinaria e aperto dalla presidente Simona Lembi. Sono previsti gli interventi di Gianni Sofri (presidente del Consiglio comunale di Bologna dal 2004 al 2009) e del Sindaco.

Aung San Suu Kyi è qui che terrà il primo discorso della sua mattinata bolognese, dopo la consegna da parte del Sindaco Merola della cittadinanza onoraria.

La sala del Consiglio comunale aprirà al pubblico alle ore 8.30. “E’ un evento storico per la città di Bologna – ha detto il Sindaco di Bologna, Virginio

Merola E’ un’occasione per adempiere a quanto deliberato dal Consiglio comunale cinque anni fa. Finalmente si sono compiute le condizioni per poter organizzare la cerimonia di consegna. E’ un evento eccezionale che ci riempie di orgoglio come città. Il Comune di Bologna è onorato di ospitare una personalità di questa caratura”.

Alle 11 l’appuntamento con la leader birmana è in Aula Magna di Santa Lucia dove riceverà la laurea ad honorem in Filosofia con rito medievale e sarà l’ospite d’onore dell’inaugurazione del 926° anno accademico dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna.

“A tredici anni dalla delibera, finalmente possiamo consegnare il diploma di laurea ad Aung San Suu Kyi: una prova che pazienza e determinazione pagano – commenta il Rettore dell’Università di Bologna Ivano Dionigi -. La concomitanza del conferimento della laurea ad honorem e della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico è una formula già sperimentata con altre due personalità d’eccezione, Alexander Dubcek e Giorgio Napolitano. Una laurea in Filosofia perché Aung San Suu Kyi ha fondato tutta la sua politica sul pensiero e su principi morali e spirituali. Da parte nostra c’è grande soddisfazione e anche un po’ di emozione”. Infatti “l’autentica rivoluzione – ha detto Aung San Suu Kyi – è quella dello spirito, nata dalla convinzione intellettuale della necessità di cambiamento degli atteggiamenti mentali e dei valori che modellano il corso dello sviluppo di una nazione. Un’eredità, questa, che ogni persona deve custodire e promuovere con il lavoro delle mani, il rigore della mente e la passione del cuore”.

Per consentire alla cittadinanza la massima partecipazione sarà possibile seguire la diretta della cerimonia di consegna della cittadinanza onoraria del Comune di Bologna e dell’Inaugurazione del 926° anno accademico dell’Alma Mater e della consegna della laurea ad honorem in Filosofia ad Aung San Suu Kyi presso l’Auditorium Biagi di Sala Borsa (ingresso dal Cortile Guido Fanti, già Cortile del Pozzo, all’interno di Palazzo d’Accursio) e nella Sala dello Stabat Mater dell’Archiginnasio (piazza Galvani, 1). Sarà possibile accedere all’Auditorium Biagi e allo Stabat Mater alle ore 9. Entrambe le cerimonie saranno trasmesse in diretta streaming sia sul sito del Comune di Bologna. (www.comune.bologna.it) che sul sito dell’Università di Bologna (www.magazine.unibo.it).

Google+
© Riproduzione Riservata