• Google+
  • Commenta
23 ottobre 2013

Università di Padova. Per un diritto gentile alla fine della vita

Università degli Studi di PADOVA – Per un diritto gentile alla fine della vita. Sostegno artificiale, testamento biologico, consenso e cure al Centro Altinate Luigi Manconi

«Trattare il consenso in modo adeguato e degno significa innanzitutto incastonarlo con chiarezza in una struttura di diritti e doveri molteplici e reciproci, diretti a promuovere e garantire una relazione buona e efficace tra medico e paziente: in questa struttura i principi essenziali sono la persona del malato in tutte le sue espressioni e la persona del medico nel suo ruolo professionale» con queste parole Luigi Manconi introduceva la sua proposta di legge al Senato nel marzo 2013.

È questo un Disegno di Legge ispirato alla riflessione del gruppo di lavoro “Undirittogentile” promosso dal professor Paolo Zatti dell’Università di Padova e che affonda le radici nella riflessione di più di cento tra giuristi, medici e bioeticisti.

Non solo, sempre nel 2013, prende sostanza il testo sulle grandi insufficienze d’organo «end stage» cui aderiscono diverse società scientifiche in ambito medico e che si è posto quale obiettivo generale la definizione dei criteri clinici e di valutazione globale utili a prendere in esame la possibilità di compiere scelte di trattamento palliativo simultaneo anziché intensivo per i malati affetti da insufficienze funzionali croniche e degenerative in fase end-stage. Questo documento fornisce il supporto scientifico, oltre che etico e giuridico condiviso, per far sì che una scelta, qualunque essa sia, offra anche il minor grado di incertezza e interpretabilità possibile.

Il Convegno dell’Università di Padova “ Per un diritto gentile alla fine della vita” organizzato  dal Dipartimento di Scienze Politiche Giuridiche e Studi Internazionali dell’Università di Padova in collaborazione con la Società Italiana di Cure Palliative vuole approfondire, grazie all’intervento di medici e giuristi, le questioni di fine vita, il trattamento di sostegno vitale artificiale, le  decisioni terapeutiche che si devono prendere nelle diverse situazioni (urgenza, ricovero e a casa) e, non ultimo sul testamento biologico (contenuti, modalità di redazione ed efficacia legale).

Venerdì 25 ottobre alle ore 9.00 all’Auditorium del Centro civico Altinate/S. Gaetano, via Altinate 72 a Padova, dopo il saluto di Giuseppe Zaccaria, Magnifico Rettore dell’Università di Padova patavino, Antonio Varsori, Direttore del Dipartimento di SPGI, i lavori del Convegno dell’Università di Padova “Per un diritto gentile alla fine della vita” verranno aperti con le relazioni dei maggiori esperti in campo medico e giuridico coordinati, nelle diverse sessioni, da Giuseppe Gristina, Gruppo di Studio Bioetica SIAARTI, e Paolo Benciolini, Università di Padova. Alle ore 14.30 verranno presentati i due testi “Grandi insufficienze d’organo “end stage”: cure intensive o cure palliative?” e “Per un diritto gentile in medicina” alla presenza del Senatore Luigi Manconi che concluderà il convegno dell’Università di Padova con un’analisi sulle prospettive politiche che si aprono dopo le due proposte condivise.

Google+
© Riproduzione Riservata