• Google+
  • Commenta
13 novembre 2013

Medicina e nuove tecnologie all’Università degli Studi di Trento

Medicina e nuove tecnologie e Unitn
Medicina e nuove tecnologie e Unitn

Medicina e nuove tecnologie e Unitn

All’Università degli Studi di Trento per parlare di medicina e nuove tecnologie.

Cosa succede quando medicina, ricerca e nuove tecnologie si incontrano? I vantaggi, i progressi e le frontiere della biomedicina al centro di un nuovo ciclo di caffè scientifici, promossi da Università degli Studi di TRENTO e Armet in collaborazione con l’Apss. Ogni venerdì alle 17.30 l’appuntamento al Caffè Città. Il primo incontro dedicato alla medicina di genere

Quali vantaggi possono portare alla medicina e nuove tecnologie introdotte in campo sanitario?

Che cosa sono la biomedicina, la fisica sanitaria, la neuroncologia e in che modo possono aiutare a combattere le varie patologie?

A questi e ad altri interrogativi sul rapporto tra ricerca e medicina daranno risposta i medici e i professori coinvolti nel nuovo ciclo di appuntamenti promossi dall’Università degli Studi di Trento e dall’Associazione Ricerca Medica Trentina (ARMET).

Organizzato in collaborazione con l’Azienda provinciale per i servizi sanitari (Apss), il primo ciclo di caffè scientifici “La nuova (bio)medicina: come ci cureremo?” è stato presentato oggi ai giornalisti al Caffè Città di Piazza Battisti a Trento, il bar che ospiterà anche la prima parte degli incontri, da novembre fino a Natale. La seconda parte degli incontri, che saranno sempre di venerdì alle 17.30, si terrà invece a inizio 2014.

A illustrare il programma dei caffè scientifici sono stati il prorettore alla ricerca dell’Università degli Studi di Trento, Alessandro Quattrone, e il presidente dell’Associazione Ricerca Medica Trentina (A.R.ME.T.), Maurizio Amichetti.

Gli appuntamenti saranno centrati sul tema della cura delle più comuni patologie nel prossimo futuro. Si parlerà, ad esempio, di medicina di genere, rigenerazione degli organi, di tumori cerebrali, di patologie cardiache e anche del ruolo della dieta a sostegno della cura delle malattie. A discutere con il pubblico di questi argomenti saranno un medico del sistema sanitario e un ricercatore universitario, che si confronteranno esponendo le nuove linee di tendenza terapeutiche prevedibili per il futuro prossimo. L’intento dell’intero ciclo è infatti quello di presentare ai cittadini in modo diretto e interattivo i progressi compiuti nel campo della ricerca in campo sanitario fornendo allo stesso tempo il punto di vista dell’accademia e del servizio sanitario.

Il primo appuntamento dell’Università degli Studi di Trento è in programma per venerdì prossimo, 15 novembre alle 17.30 al Caffè Città di Piazza Battisti. Si parlerà di “Terapie per uomini e donne? La medicina di genere”. I relatori – Cinzia Piciocchi, ricercatrice di Diritto pubblico comparato alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento e Maurizio Del Greco, direttore dell’Unità Operativa Cardiologia dell’Ospedale di Rovereto – dialogheranno con il pubblico a proposito dell’esistenza di un approccio differenziato in base al sesso rispetto alle più comuni malattie

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy