• Google+
  • Commenta
21 novembre 2013

L’Università degli Studi di Padova dedica un’aula a Lanfranco Zancan

Mostra a Padova con Unipd

Università degli Studi di PADOVA – L’Università degli Studi di Padova dedica un’aula a Lanfranco Zancan

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova

Ricercatore, militante della Resistenza, docente universitario, assessore ai lavori pubblici: con la sua attività politica, professionale e associazionistica Lanfranco Zancan ha segnato la storia di Padova e dell’Università degli Studi di Padova, contribuendo indelebilmente allo sviluppo economico, sociale e culturale della città.

Venerdì 22 novembre alle ore 12.00 l’Aula B del Dipartimento di Scienze del Farmaco in largo Meneghetti 2 Università degli Studi di Padova sarà dedicata a Lanfranco Zancan

Interverranno: Giuseppe Zaccaria, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Padova, Ivo Rossi, Vice Sindaco del Comune di Padova, Lorenzo Cima, Professore Emerito dell’Università degli Studi di Padova, Carlo Fumian, Docente di Storia Contemporanea Università degli Studi di Padova, e Chiara Saonara, Istituto Veneto per la Storia della Resistenza e dell’età contemporanea.

Lanfranco Zancan, nasce a Padova il 27 febbraio 1912. Il padre Giuseppe e il nonno Leandro Sotti, erano medici di chiara fama ed entrambi furono primari dell’Ospedale civile della città. Nel luglio del 1935, sotto la guida del professor Achille Roncato, Zancan si laurea anch’egli in Medicina e Chirurgia ottenendo, con una tesi sperimentale dal titolo “Lo zinco in biologia”, il massimo dei voti e la lode. Presta il servizio militare tra il 1936 e il 1937 in funzione di Ufficiale medico e in seguito entra nell’Istituto di Farmacologia prima come assistente incaricato e dal 1939 come assistente ordinario. Sotto la guida del professor Egidio Meneghetti, svolse la propria ricerca nel campo della chemioterapia, della farmacologia classica e della tossicologia. Ottenuta la libera docenza in Farmacologia, di ritorno dalla guerra e dopo la Resistenza, la Facoltà di Medicina gli affida l’incarico di insegnamento di Idrologia medica che ha conserverà fino al 1982.

Richiamato alle armi nel 28 maggio del 1940 Zancan partecipa alle operazioni di guerra svoltesi alla frontiera alpina occidentale (giugno 1940), a quella greco-albanese (novembre 1940-aprile 1941) e nei Balcani (luglio 1941-settembre 1942). Due volte decorato sul campo di battaglia per il coraggio e l’abnegazione con cui assolve alle proprie funzioni di ufficiale medico, rientra a Padova in quanto affetto da tifo ed è di nuovo in rapporto stretto con Egidio Meneghetti.

Tra il settembre del 1943 e l’aprile del 1945 Lanfranco Zancan, collabora con il nucleo della resistenza dell’Università degli Studi di Padova e collabora con Concetto Marchesi ed Ezio Franceschini. Dal luglio 1944 è attivo tra i Volontari della Libertà e farà parte, in qualità di comandante delle Brigate del Popolo del Veneto, del Comando Regionale Veneto, strumento della rivolta armata del CLN Veneto. A gennaio del 1945, dopo l’arresto di Meneghetti, Ponti e del fratello Giorgio, lascia Padova per Milano dove con Achille Marazza, Mario Ferrari Aggradi e Augusto de­ Gasperi vive i mesi che precedono la giornata del 25 aprile. Nel settembre del 1945, Zancan viene chiamato a far parte della Consulta Nazionale, designato dall’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

Nel giugno del 1949, quando a Milano Parri fonda l’Istituto Nazionale per la storia della Resistenza, promuove con altri a Padova l’istituzione della sede veneta di cui, fino alla sua morte, sarà vicepresidente. Nel marzo del 1946, e successivamente nel maggio del 1951, ha fatto parte della Giunta del Comune di Padova, presieduta dal Sindaco Cesare Crescente, in qualità rispettivamente di assessore all’Igiene e ai Lavori pubblici. Sono gli anni in cui Lanfranco Zancan, tra il 1948 e il 1952, presiede l’Azienda di cura di Abano, mentre nel 1956, lasciata la civica amministrazione, è chiamato a far parte, come vicepresidente del comitato esecutivo, poi come consulente medico, del Cottolengo veneto. Non eletto alle politiche del 1958, Zancan continua a operare nell’Università, nella città di Padova e partecipa allo sviluppo economico e sociale della città operando all’interno del Consiglio di amministrazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Collabora, all’inizio degli anni Sessanta, all’istituzione della Fondazione Zancan, dedicata alla sorella Emanuela. Muore il 14 novembre 1987.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy