• Google+
  • Commenta
15 novembre 2013

L’Università di Bologna in Per/formare l’opera

Il Collegio Superiore dell'Università di Bologna
L'Università di Bologna

L’Università di Bologna

In apertura della rassegna “CIMES progetti di cultura attiva 13/14” l’Università di Bologna presenta  Per/formare l’opera Jean-Guy Lecat, compositore di spazi. Spazi, parti e costumi per attori e cantanti. 

Martedì 19 – giovedì 21 novembre 2013 Ai Laboratori delle Arti, p.tta Pasolini 5/b (ingresso da via Azzo Gardino 65/a) – Bologna.

Tutti gli eventi dell’Università di BOLOGNA sono ad ingresso libero, fino esaurimento posti.

Il progetto “Per/formare l’opera” affronta le dinamiche dello spettacolo lirico dal punto di vista teatrale e si articola in più parti: la prima è dedicata allo scenografo e architetto di teatri Jean-Guy Lecat, protagonista di due conferenze, cui si affiancano due diverse proiezioni di video sul regista teatrale inglese Peter Brook, uno inedito per l’Italia.

La seconda parte si concentra su Spazi, parti e costumi per attori e cantanti, con un convegno cui partecipano artisti e operatori, tra i quali: il regista Francesco Esposito, Gabriele Vacis (regista torinese, reduce dal recente allestimento del Nabucco verdiano al Macerata Opera Festival), Enrico Minio (presidente della Fondazione Capucci), Alberto Triola (direttore artistico del Festival della Valle d’Itria). il convegno è preceduto da una rassegna video sugli intrecci tra alta moda e costume nell’opera lirica. Questo progetto apre l’ottava rassegna “CIMES progetti di cultura attiva 13/14” (19 novembre 2013 – 30 maggio 2014) promossa dal CIMES, centro di ricerca del Dipartimento delle Arti – Università di Bologna.

JEAN-GUY LECAT COMPOSITORE DI SPAZI : Scenografo, architetto, regista, storico collaboratore di Peter Brook, Lecat lavora sui punti d’incontro fra le arti, le forme drammatiche e le persone, coltivando un “fare teatro” artigianale e inventivo, che si declina in spazi e architetture, scenografie ed eventi scenici essenziali quanto memorabili. Questa prima parte – a cura di Gerardo Guccini – del progetto “Per/formare l’opera”, si articola in diversi eventi pubblici, tutti a ingresso libero fino esaurimento posti, ed è realizzato in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Programma:

  • Martedì 19 novembre 2013, ai Laboratori delle Arti Università di Bologna (p.tta P.P. Pasolini, 5/b):
    • ore 10.30: proiezione del video “Peter Brook on stage”, presenta Nicoletta Lupia; ore 15.30: primo incontro con Jean-Guy Lecat dal titolo “La semplicità a teatro è molto sofisticata”; ore 21: proiezione del video “Tragedy of Hamlet” (2002) regia di Peter Brook, presenta Erica Faccioli.
  • Mercoledì 20 novembre, Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti Università di Bologna (v. Belle Arti, 54), ore 15.30: secondo incontro con Jean-Guy Lecat intitolato “Arti viventi e spazio. Cercare la giusta relazione”.

SPAZI, PARTI E COSTUMI PER ATTORI E CANTANTI : seconda parte – a cura di Paola Bignami, Marco Beghelli, Gerardo Guccini -del progetto “Per/formare l’opera”

  • Giovedì 21 novembre 2013, ai Laboratori delle Arti, ore 15.30 convegno:
    • intervengono: Marco Beghelli, Francesco Esposito, Gerardo Guccini, Enrico Minio, Maria Giuseppina Muzzarelli, Charlotte Ossicini, Marinella Pigozzi, Alberto Triola, Gabriele Vacis.

L’Università di Bologna presenta un convegno che si divide in tre settori che mettono a confronto le prassi storiche dell’allestimento operistico, le svolte novecentesche e le modalità contemporanee. Precede il convegno (ore 10.30, stesso giorno) una rassegna video, a cura di Charlotte Ossicini, sulle incursioni operistiche dei Maestri dell’Alta Moda che sono, in questo ambito, sia espressioni del presente che portatori di un’idea a-temporale dell’abito e delle sue forme.

La terza e ultima parte del progetto “Per/Formare l’opera” a l’Università di Bologna si svolge il 27 novembre e 4 dicembre, ore 17 in palazzo Marescotti: due lezioni-concerto dedicate al Seicento musicale emiliano, a cura di Romina Basso ed Elisabetta Pasquini, in coll.ne con il conservatorio “B. Maderna” di Cesena, con esecuzioni musicali dl vivo.

Tutti gli eventi dell’Università di Bologna, sono ad ingresso libero, fino esaurimento posti. INFO al pubblico: centro CIMES  Dipartimento delle Arti tel. 051.2092400 – 053

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy