• Google+
  • Commenta
16 dicembre 2013

Alla LUMSA con Fabrizio Ravaglioli sulla Filosofia dello Sport

Trofeo MSR Comunicazione

Libera Università degli Studi “Maria SS.Assunta” Roma – Dentro e fuori lo stadio – La filosofia dello sport di Fabrizio Ravaglioli

Filosofia dello Sport

Filosofia dello Sport

Alla LUMSA un incontro per discutere le idee di Fabrizio Ravaglioli sulla Filosofia dello sport e per riflettere, con una tavola rotonda,  se l’agonismo sia un valore.

Alla LUMSA Sport e Università s’incontrano per conoscersi e per stabilire linee d’azione comuni. Il contatto avverrà martedì 17 dicembre 2013  con il Convegno-Dibattito “Dentro e fuori lo stadio – La filosofia dello sport di Fabrizio Ravaglioli”, che aprirà i lavori dalle ore 16,30 presso l’Aula Magna dell’Università LUMSA in Borgo Sant’Angelo 13 a Roma.

Il convegno è organizzato dal Dipartimento di Scienze umane della LUMSA e dal Distretto Italia – Area 7 Lazio-Abruzzo-Molise del Panathlon International con il patrocinio del CONI.  I lavori saranno aperti dal Magnifico Rettore della LUMSA prof. Giuseppe Dalla Torre, e da Federico Ghio, presidente del Distretto Italia di Panathlon, con un saluto ai presenti. La relazione introduttiva Lo sport tra filosofia e pedagogia: da Camus a Ravaglioli tenuta dal  prof. Raniero Regni, ordinario di Pedagogia sociale alla LUMSA, offrirà spunti di discussione alla successiva tavola rotonda “L’agonismo è un valore?” –  moderata dal giornalista di Roma Channel Tv, Matteo Vespasiani – che approfondirà il tema con gli interventi di: Mons. Melchor Sánchez de Toca Alameda, sottosegretario del Pontificio Consiglio “Cultura e sport”, Riccardo Viola, Presidente CONI Lazio, Michele Maffei Campione olimpico e del Mondo di sciabola, Morgan De Sanctis, calciatore dell’AS Roma, Guido Valori, docente LUMSA di Diritto sportivo, Armando Palanza giornalista di Rai Sport e il Presidente di Special Olimpics Maurizio Romiti.

Prima della tavola rotonda alla LUMSA il prof. Pierluigi Palmieri, Governatore del Panathlon, presenterà il Progetto del Panathlon dal titolo La scuola incontra lo sport, il Panathlon va a scuola che coinvolgerà campioni di tutte le discipline nella costruzione di una catena didattica  interdisciplinare.

Accademici e sportivi si confronteranno alla LUMSA con le idee di Fabrizio Ravaglioli, che dello sport, e dell’ambiente dello stadio in particolare, aveva già nel 1990 proposto una vera e propria “filosofia”,  presentandola come una congettura “che, di fronte a quel che risulta noto, si limita a chiedere dell’altro”. Dopo un excursus storico Ravaglioli sottolinea come lo sport rappresenti una emersione, nella civiltà moderna, di strutture psichiche di un passato arcaico. Ravaglioli però sottolinea che la “rivolta” messa in atto dallo sport nei confronti della “razionalizzazione burocratica tipica dellosviluppo della civiltà occidentale” sia costantemente a rischio di strumentalizzazione come sedativo delle tensioni. Ravaglioli propone lo “Stadio” come il luogo più adatto alla compensazione, condividendo la riflessione di Morris quando afferma che “la forza urlante della gola, l’esclamazione, il gesto senza pensiero ed i rituali della manifestazione della disperazione sono segnali dell’incontro con la “verità”. Del libro di Ravaglioli La filosofia dello sport, l’Editore Armando ha pubblicato di recente una nuova edizione curata da Pierluigi Palmieri e che sarà presentata nel corso dell’evento.

Google+
© Riproduzione Riservata